Politica estera

L’Arabia rompe le relazioni con l’Iran

Anomala la posizione degli Stati uniti, tradizionali alleati di Riad nella regione

Questo articolo è stato visualizzato 683 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

L’Arabia rompe le relazioni con l’Iran
Daniele D'Amico

Arabia Saudita: Dopo l’esecuzione dello sceicco sciita Nimr al-Nimr e la reazione virulenta della comunità sciita del mondo arabo e musulmano, si è deciso di rompere le relazioni diplomatiche con l’Iran e domenica sono state date “48 ore di tempo” ai membri della rappresentanza diplomatica iraniana a Riad “per lasciare immediatamente il Paese”.


A Teheran attacchi all’ambasciata saudita

Il provvedimento, annunciato dal Ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir, giunge come reazione agli attacchi contro la rappresentanza diplomatica di Riad nella Repubblica islamica, definiti “una violazione evidente delle convenzioni internazionali”. Riad ha accusato l’Iran di “non cooperare” nonostante le richieste saudite di rafforzare la sicurezza dell’ambasciata, ma Teheran ha respinto le accuse al mittente. “L’Arabia Saudita non può far dimenticare il suo grande errore di avere gisutiziato un leader religioso”, ha commentato il vice ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian, aggiungendo che “i diplomatici sauditi a Teheran e Machhad (a Nord dell’Iran, ndr) non hanno subito alcun danno rilevante”.

In Arabia spari contro le forze dell’ordine

Nella notte precedente, intanto, la polizia saudita è stata fatta oggetto di colpi d’arma da fuoco nel villaggio natale dello sceicco Nimr al-Nimr. Secondo quanto riferito dall’agenzia ufficiale saudita Spa, le forze di sicurezza del regno sono alla ricerca degli autori di quelli che sono stati definiti “atti terroristici” grauiti e meschini.

Escalation di tensione Riad-Teheran, storiche

I rapporti tra l’Arabia Saudita sunnita e l’Iran sciita sono molto tesi dal tempo della Rivoluzione islamica iraniana del 1979. Le due potenze sono spesso in disaccordo sulle crisi reginali e si trovano al momento su fronti opposti nei due delicati conflitti in Siria e Yemen. Una crisi che adesso potrebbe diventare esplosiva dopo l’esecuzione dello sceicco al-Nimr. “L’ingiusto spargimento di sangue di questo martire avrà delle repentine conseguenze e la mano divina si vendicherà”, ha affermato il leader supremo iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, che ha paragonato i sauditi ai jihadisti del Daesh.

Agitazioni in tutto il mondo sciita

Ma se la collera è particolarmente forte in Iran, manifestazioni di rabbia hanno avuto luogo anche tra le comunità sciite di Arabia Saudita, Iraq, Yemen, Libano, Bahrein Pakistan e Kashmir indiano. Viceversa, numerosi Paesi arabi – Kuwait, Qatar, Emirati, Egitto, il governo yemenita e l’Organizzazione per la cooperazione islamica – hanno sostenuto Riad, condannando fortrmente “le aggressioni” contro le rappresentanze diplomatiche saudite, ammirando l’impegno del regno “contro il terrorismo”.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica estera
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Politica estera

astana-kazakistan

Astana, capitale del Kazakistan, sede d’Ambasciata del Gran Principato di Dobrynia

Francesco Tiberio17 agosto 2018
kosovo

Intervista col vice Ministro Affari Esteri del Kosovo Gjergj Dedaj

Francesco Tiberio31 luglio 2018
Donald Trump

Donald Trump ha toccato le corde degli americani con delle keyword

Daniele D'Amico11 novembre 2016

Emergenza profughi siriani

Valentina Addabbo30 marzo 2016

Protocollo di Kyoto del 1997: l’ipocrisia di civiltà

Ricky Violante3 dicembre 2015

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
Cina

La Cina si rinnova, “addio alla politica del figlio unico”

Daniele D'Amico12 agosto 2015

La Francia come Ponzio Pilato

Gabriella De Santis18 giugno 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it