Arte, cultura e spettacolo

Quo vado ?

Quo vado ?
Gabriella De Santis

quovadodi Gabriella De Santis
Il nuovo film di Zalone ha conquistato il pubblico italiano nelle ultime settimane e conseguente sold out per quasi tutta la durata della pellicola nei cinema dell’intera penisola. “Quo vado?” questo il titolo del film, nulla a che vedere chiaramente con il kolossal Quo vadis di Mervyn LeRoy, anche se un collegamento con lo scellerato e corrotto governo dell’impero romano di Nerone, lo si può trovare.

Zalone infatti cela dietro una trama tragicomica, ricca di peripezie, quella che si rivela essere una drammatica realtà. Quasi una rielaborazione di una commedia greca dove i soggetti e le situazioni sono stereotipate ed esasperate al massimo, secondo una relazione direttamente proporzionale alla gravità che invece rappresentano.

Ed è questo che poi riesce a far riflettere lo spettatore. Attraverso le risa e il divertimento è più facile comunicare e far arrivare il messaggio e alla fine l’effetto è quello di una catarsi. Si ride, ma poi si capisce che si ride per non piangere.
Il film comincia dalla fine e solo attraverso il racconto del protagonista con un flashback, lo spettatore è portato a conoscenza di tutti gli avvenimenti e del perchè il protagonista sia finito in una giungla africana circondato da indigeni che sono disposti a liberarlo solo se questi dimostrerà di avere un animo buono. 
Checco Zaloneimpiegato negli uffici della provincia del suo paese, ha seguito le orme del padre, idolatrando il tanto rinomato e ricercato “posto fisso”.

 

Con tanta ironia mostra come sia appagante e rilassante lavorare per la pubblica amministrazione, dove lavoro, fatica e impegno sono parole sconosciute.
È  risaputo, infatti, che spesso i dipendenti arrivino tardi ai loro posti di lavoro, preferiscano andare al bar, timbrino i cartellini non solo per uno dei colleghi ma anche per due tre.. quattro di loro. Nulla di cui stupirsi.
Ma tutta questa aurea situazione viene scossa dalla riforma della pubblica amministrazione che decreta il taglio delle province, per cui le soluzioni sono due : lasciare il posto fisso in cambio di un assegno, una sorta di liquidazione al sapore di contentino oppure essere trasferiti lontano da casa. 

Checco che tanto amava la sua vita fatta di comodità, è costretto ad abbandonare il nido paterno alla giovane età di 38, a diventare indipendente pur di non lasciare il posto fisso. Naturalmente questa è una delle poche decisioni di rifiuto delle dimissioni e per persuaderlo a ciò,  viene trasferito in luoghi improbabili con mansioni sempre più pericolose, sino ad arrivare al Polo Nord.
Scoraggiato e amareggiato, è sul punto di rifiutare questo incarico e ritornare in Italia, ma si innamora follemente di una ricercatrice italiana, Valeria, che lo porterà a conoscere nuovi orizzonti e modi di vivere, aprendosi cosi a realtà diverse e … forse migliori. 

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo

Altro in Arte, cultura e spettacolo

Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018
Pierfrancesco Favino

Bifest 2018: Pierfrancesco Favino e l’essenza dell’attore

Tiziana Di Gravina22 aprile 2018
festival del cinema europeo

FceLecce 2018: il Miglior film è della francese Marie Garel-Weiss

Tiziana Di Gravina15 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it