Economia e Diritto

Così ammazzano la sanità in Puglia: chiudono altri 9 ospedali

Entro il 29 febbraio l'approvazione formale. Per Emiliano si tratta di "una razionalizzazione per migliorare il servizio"

Questo articolo è stato visualizzato 7.470 volte. Leggi altri articoli di: Vincenzo Demichele.

Così ammazzano la sanità in Puglia: chiudono altri 9 ospedali
Vincenzo Demichele

di Vincenzo Demichele
E’ stata presentata giorni fa in commissione sanità la bozza del piano di riordino ospedaliero della Regione Puglia. Secondo quanto anticipato dal manager Giovanni Gorgoni e dal governatore Michele Emiliano, verranno chiuse 9 strutture ospedaliere. Il numero totale dei nosocomi così passerà da 40 a 31, con la chiusura di tre ospedali nel brindisino, due nella provincia di Bat e altrettanti nella città metropolitana di Bari, uno in provincia di Foggia e un altro in provincia di Taranto. Sebbene le strutture interessate non siano state espressamente citate, dai parametri presenti nella bozza si può dedurre che a chiudere saranno i nosocomi di Canosa di Puglia, Fasano, Grottaglie, Lucera, Mesagne, San Pietro Vernotico, Terlizzi, Trani e Triggiano.

Per il governatore pugliese “la razionalizzazione mira a migliorare il servizio, non a peggiorarlo. Noi dobbiamo evitare sbilanciamenti tra entrate e uscite degli ospedali, tra quanto costano e quanto rendono, e concentrare le forze perché la razionalizzazione del sistema ospedaliero serva a migliorare la qualità del servizio”. Poi aggiunge: “Il piano di rientro  potrà provocare sicuramente qualche riorganizzazione dolorosa e come sempre mi caricherò sulle spalle il peso di queste scelte con l’inevitabile carico di dolore e disappunto, come ho sempre fatto nella mia vita”. Infine una precisazione: “le norme sono così stringenti per il sistema che gli spazi per la politica sono ridotti praticamente a zero. Il piano di riordino ospedaliero obbedisce a regole che il Governo impartisce con grande severità. E sebbene queste regole portino a determinate conclusioni, non ci sarà nessun impatto sul servizio ai cittadini”.

Ma quali sono i provvedimenti legislativi che obbligherebbero la regione Puglia a tagliare ancora una volta la sanità? Si tratta di due documenti: il decreto ministeriale 70 del 2015 e la Legge di Stabilità 2016. Provvedimenti voluti dal governo Renzi, dunque. Nel frattempo l’iter del piano di riordino ospedaliero è stato già calendarizzato: dal 27 febbraio avrà inzio la discussione e condivisione con tutti gli interlocutori interessati, in vista dell’approvazione formale della delibera che dovrà essere fatta entro il 29 febbraio. Per informazioni più dettagliate sul piano previsto della regione clicca qui.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia e Diritto

Altro in Economia e Diritto

La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Il presente è l'industria 4.0

Piano nazionale industria 4.0: opportunità per le imprese italiane

Daniele D'Amico21 febbraio 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016
Direttori generali

Nuovo avviso Regione Puglia per direttori generali delle aziende ed enti S.S.R.

Mariangela Lomastro16 settembre 2016
stress test

Stress test, disponibili i risultati

Mariangela Lomastro4 agosto 2016

Moda e sostenibilità: Il pensiero dei Millennials

Daniele D'Amico20 luglio 2016
playdate

Playdate: il primo giocattolo “smart” per cani e gatti

Pierfrancesco Caira6 luglio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it