Arte, cultura e spettacolo

I Think about it: musica e condivisione.

La band barese regala un'anticipazione dell'atmosfera del primo album con un video che entusiasma il mondo del web

Questo articolo è stato visualizzato 6.744 volte. Leggi altri articoli di: Valentina Addabbo.

I Think about it: musica e condivisione.
Valentina Addabbo

Talento, studio e passione sono gli ingredienti del successo dei Think about it, la band barese composta da Elerbagi (lead vocals), Stefano De Vivo (chitarra semiacustica e synth), Vincenzo Guerra (batteria e percussioni) e Marco Menchise (chitarra elettrica), ai quali si aggiungono Gianluca Aceto (basso), Sup Nasa (synth), Vito Scavo (trombone), Alex Grasso (hammond e sound engeneering), Bruno Montrone (piano) e Carolina Bubbico (arrangiamenti vocali e backing vocals).
“Il progetto è nato nel 2013 da un’idea mia e di Andrea Buongiorno, il pianista che ha lavorato con noi fino al 2014 .” Spiega Vincenzo Guerra “Insieme a noi hanno partecipato una serie di persone, creando diversi cambi di lineup che ci hanno portato, in questi due anni, a diventare un collettivo invece che una band vera e propria. Una base fissa di musicisti, alla quale se ne aggiungono altri in base ai progetti live o studio.”
Il gruppo è uno dei più riconosciuti all’interno del panorama musicale pugliese e recentemente ha ottenuto più di 70.000 visualizzazioni su Facebook con il video della cover di “Power Trip, un successo del rapper J. Cole, che preannuncia le sonorità che potremo ascoltare nel primo album.

“Il nostro è un genere particolare in quanto cerca di unire la tradizione hip hop dei campionatori e dei djs con la musica suonata dal vivo.” Continua Vincenzo Guerra “Ognuno di noi influenza il progetto portando il suo bagaglio di esperienze e ascolti. Il punto di forza del sound che stiamo cercando di tirare su è proprio il fatto che in alcuni casi ci si ritrova a suonare dei patterns di musica elettronica sopra un’armonia prettamente jazz. In Italia non siamo di certo i primi ad aver introdotto questo tipo di progetto. Negli ultimi anni lo hanno fatto Tormento, Ghemon e Salmo, ottenendo un notevole successo. Di sicuro però le influenze dell’ultimo periodo vengono dagli Stati Uniti. Siamo rimasti molto colpiti, infatti, dalle ultime produzioni fatte da Kendrick Lamar, Terrace Martin e Robert Glasper.”
I Think about it hanno le idee chiare per quanto riguarda il loro prossimo futuro.
Proprio in questi giorni, infatti, stanno ultimando i lavori per l’uscita del loro primo disco, attraverso il quale sperano di far arrivare la loro musica e le loro storie a più gente possibile. Dice Vincenzo Guerra: Il nostro obiettivo è quello di riuscire a trovare un gruppo di lavoro esterno che sposi il nostro progetto. È un lavoro che abbiamo iniziato da soli e abbiamo portato avanti fino a questo momento. Crescendo, senti anche l’esigenza di salire ad un piano più alto e ricevere la giusta soddisfazione per la tua musica e le tue idee. Impossibile nascondere che senti anche il bisogno di lavorare bene, attraverso i mezzi e le persone giuste. Il nostro sogno, quindi, è quello di far crescere la nostra realtà attraverso nuove esperienze live e sopratutto nuove e future collaborazioni.”

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018
Pierfrancesco Favino

Bifest 2018: Pierfrancesco Favino e l’essenza dell’attore

Tiziana Di Gravina22 aprile 2018
festival del cinema europeo

FceLecce 2018: il Miglior film è della francese Marie Garel-Weiss

Tiziana Di Gravina15 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it