Economia e Diritto

ILVA: ecco i soggetti in gara per l’acquisto

Accolte senza riserva 19 delle 29 richieste complessive (17 italiane e 12 straniere), 4 i soggetti respinti e altri 6 dovranno integrare la documentazione presentata per prendere parte alla gara.

Questo articolo è stato visualizzato 807 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

ILVA: ecco i soggetti in gara per l’acquisto
Pierfrancesco Caira

Sono terminate a Milano le procedure per la selezione dei candidati interessati alle operazioni di acquisto (o affitto) di parte dell’ILVA; dopo aver valutato l’ammissibilità delle domande dei 29 soggetti istanti, 17 italiani e 12 stranieri, i commissari straordinari designati dal Governo ne hanno respinte 4 e approvate senza riserva 19, le restanti 6 dovranno perciò presentare la documetazione integrativa necessaria per essere ammesse. Successivamente verrà garantito alle società in gara l’accesso alla data room, ovvero la possibilità di prendere visione dei vari siti produttivi appartenenti al gruppo nonchè di tutti gli incartamenti utili a formulare in seguito una proposta economica adeguata. La conclusione di questa fase del procedimento è prevista per la fine del mese, in quella successiva i partecipanti avranno a disposizione qualche settimana per presentare le offerte vincolanti che saranno valutate dai commissari governativi e dagli esponenti del global advisor dell’operazione, cioè la banca d’affari Rothschild.

Queste le sei società da cui si attende l’integrazione della doumentazione: Euroflex, Etablissement Robert et Compagnie (FRA), Societe Mosellane de Vente de fers-toles-aciers Enterprise Gans (FRA), Trasteel International (CH), Erdemir (TUR) e P&C (Shenzhen) Industry Fund Management Partnership Firm (CHN). Già ammessi alla seconda fase Finarvedi, Marcegaglia Carbon Steel, Eusider, Tecnotubi, Cassa Depositi e Prestiti, Fonderia Boccacci, CAR Segnaletica Stradale, Vesuvius Italia, Fonderie Mora Gavardo, Faser, Ionian Shipping Consortium, Pan Atlantic Shipping, Lucchini RS, DHI Di Nardi, Csn Steel (BRA), Erp Compliant Fuels (USA), ArcelorMittal (FRA-IND), Zaklady Magnezytowe Ropczyce (POL) e Magnesita Refractories GMBH (GER). Gli esperti stimano che la formazione di eventuali cordate fra più soggetti interessati potrebbe risultare la scelta vincente per acquisire l’ILVA, nella speranza che questa ennesima privatizzazione non si riveli un altro flop come per Alitalia e che sia utile, in ultima analisi, a risolvere una volta per tutte gli innumerevoli problemi che derivano dall’esistenza del colosso della siderurgia nel capoluogo tarantino.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Economia e Diritto

Il mercato del lavoro in Italia

Gli italiani e il lavoro: sono troppe le anomalie?

Daniele D'Amico30 ottobre 2017
Non solo crescita per il Sud Italia

Rapporto Svimez 2017: luci e ombre sul Sud Italia

Daniele D'Amico28 luglio 2017
Resto al Sud: il lavoro è nel meridione

“Resto al Sud”: la misura del Governo per la crescita del Mezzogiorno

Daniele D'Amico1 luglio 2017
egione Puglia nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Regione Puglia: nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Daniele D'Amico23 giugno 2017
La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Il presente è l'industria 4.0

Piano nazionale industria 4.0: opportunità per le imprese italiane

Daniele D'Amico21 febbraio 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it