Arte, cultura e spettacolo

Influencer, gli opinionisti dell’era digitale

Chi decide oggi cosa è "in" e cosa è "out" sono gli influencer

Questo articolo è stato visualizzato 6.693 volte. Leggi altri articoli di: Antonio Catacchio.

Influencer, gli opinionisti dell’era digitale
Antonio Catacchio

Spesso se ne sente parlare, ma pochi sanno davvero chi sono e soprattutto cosa fanno. Parliamo degli influencer. Non esiste una definizione “tecnica” del termine perché tutta la tematica a riguardo è abbastanza recente, ma si può provare però a delimitare i contorni di questa nuova figura.
L’influencer è una persona capace di influenzare con ciò che dice o con ciò che fa i pensieri degli altri e, di conseguenza, le decisioni che ne derivano. Fanno tendenza, creano seguito. Stiamo parlando ovviamente di persone autorevoli nel loro campo di azione, persone tenute in grande considerazione dai loro followers. Solitamente gli influncer sono giornalisti, esperti di settore e VIP che possono dare enorme visibilità a qualsiasi post, sito, prodotto o servizio, determinandone anche il successo o un fallimento: di fatto decidono cosa è in e cosa è out.

I social network, quali Facebook, Twitter, Instangram, Linkedin, Google+, YouTube, sono lo strumento preferito dagli influencer per veicolare una opinione comune rispetto ad una tematica. Si potrebbe dire che hanno sostituito i vecchi opinionisti/testimonial della carta stampata o della tv. Si è passati dal “passa-parola” al “click to click”.
Forbes stila addirittura una classifica dei “Top 50 Social Media Power Influencers“: Peek Analytics dà alle persone un punteggio chiamato Pull. Se un individuo ha un tiro di 10x, significa che il pubblico che l’individuo può raggiungere è almeno dieci volte superiore a quello che l’utente medio di social media può raggiungere. Nella classifica stilata nel 2013, Forbes ha determinato che nella top ten tutti gli influenzatori hanno una forza di attrazione tra 2.000 e 3.000 persone, agendo con un’influenza tra un gruppo di pari.
Le aziende si sono accorte del potenziale di questi nuovi personaggi pubblici e pagano cifre impressionanti per coinvolgerli nelle loro campagne. E’ infatti nato l’influencer marketing, quale disciplina specifica del marketing. In particolare, vengono identificati gli influenzatori e classificati in ordine di importanza e successivamente si portano avanti azioni di marketing rivolte agli influenzatori per aumentare la conoscenza dell’azienda nella loro comunità e far in modo, di conseguenza, che aumenti la conoscenza del mercato da parte dell’azienda. Gli influencer diventano dei veri e propri ambasciatori d’azienda.

Ma non sempre è facile capire chi sono gli influenzatori, tant’è vero che sono sorti strumenti ad hoc (sia gratuiti che a pagamento) che facilitano la ricerca di utenti capaci di orientare umori e decisioni altrui (Klout, Peerindex, Commun.it, Twitalyzer, Twtrland, Traackr,Topsy, Followerwonk, Tweetreach).
Prima di mettere un like quindi, bisognerebbe riflettere qualche secondo in più e per lo meno chiedersi se ci piace davvero quel post, quella foto o quel prodotto, oppure se è un’azione che facciamo di riflesso perchè un influencer ci ha indotto a farlo.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo
Antonio Catacchio
@tonykataklios

Nato a Bari nel freddo gennaio del 1979, non ha intrapreso esclusivamente l'Università della vita, come molti oggi vanno orgogliosamente sostenendo. Oltre a quella infatti si è anche laureato in giurisprudenza presso l'Università degli studi di Bari nel 2009 con una tesi in diritto penale dal titolo "La frode informatica". Dopo aver sostenuto gli scritti per l'esame di avvocato nel dicembre 2011, si inerpica come un dedalo, nella realizzazione di un magazine online iniziando a studiare SEO, SEM e aprendo account online su social media d'ogni genere per iniziare a carpirne funzionamento ed evoluzioni. Tra un lavoro occasionale ed un altro a tempo determinato, dirige e conduce gli aspetti organizzativi del progetto corrieredellepuglie.com, di cui è il maggiore artefice. Nel 2013 fonda insieme a Claudio Santovito, Roberto Loizzo e Teresa Manuzzi l'Associazione InformAEticaMente.it, editrice del corrieredellepuglie.com.

Altro in Arte, cultura e spettacolo

nerve blu whale

Nerve: la Blue Whale al cinema?

Francesco Tiberio20 giugno 2017
Digithon: la Puglia è digitale

DigithON: la maratona digitale italiana è pugliese

Daniele D'Amico13 giugno 2017
Medimex 2017

Medimex 2017: in Puglia la musica non è un optional

Daniele D'Amico10 giugno 2017
Piccolo Festival della Parola

Piccolo Festival della Parola: a Noci fino all’11 giugno

Daniele D'Amico9 giugno 2017
ecce al via la prima edizione di INcoSCiENZA

Lecce: al via la prima edizione di “INcoSCiENZA”

Daniele D'Amico3 giugno 2017
Forum PA 2017: la Puglia sarà protagonista

Il Consiglio Regionale della Puglia partecipa al Forum PA 2017

Daniele D'Amico22 maggio 2017
Bitonto Cortili Aperti 2017: la bellezza dei luoghi

Puglia: grande attesa per Bitonto Cortili Aperti

Daniele D'Amico18 maggio 2017
ArtLab17 Taranto

ArtLab 17 Taranto – Matera: il sud in trasformazione

Daniele D'Amico15 maggio 2017
Libando

“Libando, viaggiare mangiando”: successo clamoroso in Puglia

Daniele D'Amico7 maggio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it