Arte, cultura e spettacolo

Hollywood: Morricone nella Walk of Fame

Il maestro diventa il dodicesimo connazionale insignito del riconoscimento, incrociando le dita in vista della notte degli Oscar.

Questo articolo è stato visualizzato 832 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Hollywood: Morricone nella Walk of Fame
Pierfrancesco Caira

A pochi giorni dalla notte degli Oscar il maestro Ennio Morricone riceve l’ennesimo riconoscimento alla sua sfolgorante carriera in occasione del Los Angeles, Italia – Film, Fashion & Art Festival, evento che si tiene ogni anno al Chinese Theatre nella città californiana, a ridosso delle premiazioni degli Academy Awards, al fine di promuovere il cinema italiano. Morricone diviene così la stella numero 2.574 nella celeberrima Walk of Fame, il viale hollywoodiano pavimentato coi nomi di tutti coloro che hanno dato un contributo importante all’industria dello spettacolo. Il compositore, classe 1928, è il dodicesimo italiano a ricevere questo onore, prima di lui ne sono stati insigniti, in ambito musicale, i tenori Enrico Caruso, Beniamino Gigli e Andrea Bocelli, le soprano Renata Tebaldi e Lucia Albanese, i direttori d’orchestra Annunzio Paolo Mantovani e Arturo Toscanini e il basso Ezio Pinza, mentre, in ambito cinematografico, gli attori Rodolfo Valentino, Anna Magnani e Sophia Loren e il regista Bernardo Bertolucci.

Tuttavia si spera che il premio più prestigioso di tutti giunga la prossima settimana, Morricone infatti non ha mai vinto l’Oscar nonostante le varie nomination passate, ricevendone uno alla carriera nel 2007 dopo numerose delusioni, la più cocente delle quali, per stessa ammissione del compositore, risale al 1987 per “Mission” di Roland Joffè; tutti si augurano dunque che questa sia la volta buona grazie alla realizzazione della colonna sonora di “The Hateful Eight”, l’ultimo lavoro di Quentin Tarantino. Il regista, presente alla cerimonia, dopo le diatribe sorte con Morricone negli ultimi anni per le colonne sonore di “Kill Bill”, “Bastardi Senza Gloria” e “Django”, ha dichiarato “Il regalo più grande che ho ricevuto facendo questo film è l’amicizia con il maestro Morricone”, aggiungendo che solo di recente si è reso conto che nella sua vasta collezione di musica i dischi di Morricone sono più numerosi di quelli di Beatles, Elvis e Bob Dylan.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it