Cinema

Perfetti sconosciuti

il dubbio sorgerà spontaneo

Questo articolo è stato visualizzato 5.726 volte. Leggi altri articoli di: Gabriella De Santis.

Perfetti sconosciuti
Gabriella De Santis

Paolo Genovese, regista del film Perfetti Sconosciuti, mette a nudo una delle tante realtà nelle quali siamo abituati a vivere ai nostri giorni. Ne deriva un mèlange di commedia e dramma, o meglio dire una tragedia – fortunatamente – sfiorata, che ha come soggetto principale le relazioni di coppia al tempo degli smartphone, Internet, Whatsapp e di tutti gli altri modi di comunicare, sempre mediati da uno schermo e sempre più finti.
Si perde l’essenza dello stare insieme, del parlarsi o semplicemente del godersi una cena senza pensare al messaggio o alla chiamata che inaspettatamente può arrivare. Certamente si vive anche nell’ansia, nell’incertezza e nel quotidiano dubbio che occupa le menti sulla fedeltà del proprio partner.

Il film si svolge tutto in una sera, quando Eva e Rocco invitano a cena i loro amici di sempre: i novelli sposi Cosimo e Bianca, seguiti da Beppe, Lele e Carlotta. Tutte le relazioni sono compromesse e il film le svelerà pian piano con un climax crescente di situazioni drammatiche. I padroni di casa, sono una coppia la cui relazione in crisi è appesantita dai difficili rapporti con la figlia diciassettenne, i secondi apparentemente conducono una vita felice, essendosi da poco sposati, la terza coppia anch’essa con due figli e problemi vari ed infine Beppe che dopo il divorzio non riesce ad avere relazioni stabili. Durante la cena Eva propone di fare un gioco e quindi di mettere sul tavolo tutti i telefoni e condividere contenuti di messaggi, mail o chiamate in vivavoce con tutti i presenti “tanto non abbiamo segreti noi”.

La cena si trasformerà ben presto nell’occasione per svelare tutti i segreti dei commensali, dando vita ad una vera e propria tragedia, che si articola in una fitta trama di incomprensioni, bugie, tradimenti, omissioni e pregiudizi. La conclusione della cena, che si presume porterà alla rottura di parecchie coppie di perfetti sconosciuti  e amicizie che perduravano da una vita, sarà del tutto una sorpresa, piacevole… ma che lascia dell’amaro. Forse è meglio così, è meglio “disinnescare” questi meccanismi, come afferma più volte Rocco, d’altronde “questo qua oramai è diventato la scatola nera delle nostre vite, […] ma quante coppie si sfascerebbero se uno dei due guardasse nel cellulare dell’altro?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cinema

"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018
Pierfrancesco Favino

Bifest 2018: Pierfrancesco Favino e l’essenza dell’attore

Tiziana Di Gravina22 aprile 2018
festival del cinema europeo

FceLecce 2018: il Miglior film è della francese Marie Garel-Weiss

Tiziana Di Gravina15 aprile 2018
Kim Rossi Stuart

I protagonisti e gli eventi speciali del Festival del cinema europeo

Tiziana Di Gravina14 aprile 2018
Michael Winterbottom

Ulivo d’Oro alla Carriera per Michael Winterbottom

Tiziana Di Gravina12 aprile 2018
Nico Cirasola al Festival del cinema europeo

Nico Cirasola apre il 19° Festival del cinema europeo

Tiziana Di Gravina11 aprile 2018
Michele Pinto

“In Vino Veritas”, il trailer della quarta webserie di Michele Pinto

Tiziana Di Gravina4 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it