Politica estera

Emergenza profughi siriani

E' italiano il primo esempio di corridoio umanitario interamente finanziato da privati

Questo articolo è stato visualizzato 5.097 volte. Leggi altri articoli di: Valentina Addabbo.

Emergenza profughi siriani
Valentina Addabbo

Sono trascorsi 5 anni esatti dal principio di uno dei conflitti più drammatici degli ultimi tempi.
La guerra in Siria, che proprio in questi giorni con la liberazione di Palmira da parte delle forze di Assad sta vivendo uno dei suoi momenti cruciali, cominciò con delle manifestazioni e proteste pubbliche in linea con la “Primavera araba” il 15 marzo 2011 fino a diventare, oggi, quella che spesso viene definita “terza guerra mondiale” oltre che per la durezza dello scontro, per la sua portata internazionale e la molteplicità degli interessi e delle parti coinvolte.
A pagare le spese di questa profonda lacerazione sono stati e continuano ad essere i civili, quotidianamente esposti ad attacchi mirati che rendono la vita in Siria impossibile e la fuga l’unica via di salvezza auspicabile.
Negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio esodo: sono 13 milioni i siriani che hanno abbandonato la propria terra in cerca di un presente pacifico e di un futuro migliore, nonostante la progressiva negazione del diritto alla fuga dei Paesi confinanti.

Sono diverse, infatti, le vie attraverso cui uno Stato può rendere estremamente difficoltosa l’evasione dei profughi siriani: dalla più immediata chiusura delle frontiere adoperata da Turchia e Giordania, alla meno diretta ma ugualmente dannosa inesistente tutela legislativa nei confronti dei rifugiati in territorio libanese .
Le condizioni dei profughi siriani presenti in Libano sono assolutamente precarie. Questi, infatti, dal momento che il Paese non è firmatario della Convenzione di Ginevra del 1951 sullo status di rifugiato, non possono godere dei diritti e delle garanzie annesse a questo status giuridico e si ritrovano a dover pagare affitti salatissimi per “vivere” in locali totalmente inadatti o ad essere internati in uno dei 3000 campi informali presenti nel territorio, in cui anche i beni più essenzali e primari come acqua e cibo sono un miraggio.

Proprio dal Libano arrivano in Italia i primi 93 profughi siriani grazie al primo esempio europeo di corridoio umanitario interamente finanziato da privati. Il programma è nato dalla cooperazione della Federazione Chiese Evangeliche italiane, della Comunità di Sant’Egidio e della Tavola Valdese con il Ministero degli Esteri e dell’Interno italiani e prevede il rilascio di 1000 visti umanitari in due anni. E’ previsto, inoltre, che i profughi vengano mandati a Trento, Reggio Emilia e Torino, città in cui le organizzazioni hanno messo a disposizione strutture adibite alla loro locazione.
Questo progetto oltre a costituire un’alternativa sicura ai “viaggi della morte” in mare che i profughi continuano ad intraprendere nell’illegalità pur di scappare dalla fame e dalla guerra, fornisce la dimostrazione che la soluzione all’attuale emergenza umanitaria non passa attraverso barriere, ma attraverso una maggiore collaborazione e la redazione di piani a lungo termine.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Politica estera

astana-kazakistan

Astana, capitale del Kazakistan, sede d’Ambasciata del Gran Principato di Dobrynia

Francesco Tiberio17 agosto 2018
kosovo

Intervista col vice Ministro Affari Esteri del Kosovo Gjergj Dedaj

Francesco Tiberio31 luglio 2018
Donald Trump

Donald Trump ha toccato le corde degli americani con delle keyword

Daniele D'Amico11 novembre 2016

L’Arabia rompe le relazioni con l’Iran

Daniele D'Amico4 gennaio 2016

Protocollo di Kyoto del 1997: l’ipocrisia di civiltà

Ricky Violante3 dicembre 2015

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
Cina

La Cina si rinnova, “addio alla politica del figlio unico”

Daniele D'Amico12 agosto 2015

La Francia come Ponzio Pilato

Gabriella De Santis18 giugno 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it