Politica nazionale

L’omicidio stradale diventa reato

Pene più severe, fino a un massimo di 18 anni di reclusione, per chi commette un omicidio alla guida sotto effetto di droghe o alcol, ma anche in tutti i casi di lesioni.

Questo articolo è stato visualizzato 863 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

L’omicidio stradale diventa reato
Pierfrancesco Caira

Approvato in via definitiva ieri al Senato il disegno di legge che introduce l’omicidio stradale fra i reati, sulla questione il Governo aveva precedentemente posto la fiducia e la votazione si è conclusa con 149 senatori a favore, 3 contrari e 15 astenuti. Resta ferma la previsione dell’articolo 589 del codice penale, ovvero la reclusione da 2 a 7 anni per chi causa con colpa la morte di qualcuno violando le norme del codice stradale, ma le pene vengono inasprite per chi guida sotto l’effetto di alcolici o sostanze stupefacenti. Gli anni di reclusione vanno da 5 a 10 quando il tasso alcolemico del conducente non supera gli 0,8 grammi per litro, da 8 a 12 se viene oltrepassata la soglia di 1,5 grammi per litro o in caso di assunzione di stupefacenti. Qualora vi siano più vittime verrà applicata la pena per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo.

In ogni caso il limite massimo di reclusione previsto dalle nuove norme è pari a 18 anni. Aumenti di pena previsti anche per i fuggiaschi, in misura variabile da uno a due terzi, e reclusione non inferiore comunque a 5 anni (3 anni per le lesioni). Un’aggravante comune sia nei casi di lesioni che di omicidio è prevista qualora il conducente non sia munito di patente o la stessa gli sia stata revocata o sospesa oppure il veicolo non risulti assicurato. Pene più severe anche in caso di lesioni quando il conducente è ubriaco o drogato, da 3 a 5 anni per quelle gravi e da 4 a 7 per quelle gravissime, se invece il tasso alcolemico non supera gli 0,8 grammi per litro o l’incidente è conseguenza di manovre pericolose la reclusione va da un anno e 6 mesi fino a 3 anni per le lesioni gravi e da 2 a 4 per le gravissime. In seguito a condanna (o patteggiamento) per omicidio stradale o lesioni stradali vi sarà la revoca automatica della patente rispettivamente per 15 o 5 anni, termine aumentato nelle ipotesi più gravi (ad es.: 30 anni per i fuggiaschi).

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Politica nazionale

referendum

Referendum costituzionale, la riforma non passa

Mariangela Lomastro5 dicembre 2016
ricorso

Referendum, respinto ricorso Onida

Antonio Catacchio13 novembre 2016
referendum

Referendum, rinvio in vista?

Mariangela Lomastro2 novembre 2016
ANCI

ANCI, XXXIII Assemblea nazionale: a Bari dal 12 al 14 ottobre

Daniele D'Amico11 ottobre 2016
Referendum

Referendum: il popolo alle urne domenica 4 dicembre

Daniele D'Amico28 settembre 2016
Referendum Costituzionale

Referendum costituzionale, capiamoci qualcosa

Mariangela Lomastro26 settembre 2016

Referendum trivellazioni 17 aprile, il sì per iniziare a cambiare il futuro dell’energia

Vincenzo Demichele3 aprile 2016

Vendola rinviato a giudizio per l’Ilva, ma tutti parlano solo del figlio

Vincenzo Demichele6 marzo 2016

Così ammazzano la sanità in Puglia: chiudono altri 9 ospedali

Vincenzo Demichele23 febbraio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it