Economia e Diritto

Vendola rinviato a giudizio per l’Ilva, ma tutti parlano solo del figlio

L'accusa è di concussione aggravata in merito all'inchiesta "ambiente svenduto" sui veleni dell'Ilva di Taranto

Questo articolo è stato visualizzato 6.203 volte. Leggi altri articoli di: Vincenzo Demichele.

Vendola rinviato a giudizio per l’Ilva, ma tutti parlano solo del figlio
Vincenzo Demichele

di Vincenzo Demichele
L’ultima settimana ha visto Nichi Vendola nell’occhio del ciclone mediatico e social-mediatico. La notizia dell’arrivo del figlio ha infatti calamitato l’attenzione dei principali mezzi di informazione. Così, mentre commentatori (o presunti tali) si trastullavano chiedendosi sostanzialmente se fosse giusto o sbagliato  che una coppia gay potesse adottare un figlio, un’altra notizia, forse di maggior rilievo, è passata sotto silenzio: l’ex governatore pugliese è stato rinviato a giudizio nell’ambito dell’inchiesta “Ambiente Svenduto” riguardante i veleni emessi dall’Ilva di Taranto. L’accusa imputata a Vendola è di concussione aggravata in merito a presunte pressioni che sarebbero state esercitate sull’Arpa.

Nell’inchiesta, fermata a dicembre per l’errore di un cancelliere su un verbale, risultano rinviate a giudizio 44 persone e tre società dei Riva. Fabio e Nicola Riva, componenti della famiglia proprietaria dello stabilimento siderurgico, sono accusati assieme ad altri dirigenti di associazione per delinquere, disastro ambientale, avvelenamento di sostanze alimentari e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. L’ex governatore pugliese Nichi Vendola dovrà rendere conto invece delle presunte pressioni esercitate sull’Arpa (l’Agenzia regionale per l’ambiente) in favore dell’Ilva. Egli avrebbe minacciato il direttore di Arpa, Giorgio Assennato, di non confermare il suo incarico nel caso in cui non fosse stato  accomodante nei confronti dell’impianto siderurgico. Fra gli altri rinviati a giudizio compaiono anche il deputato Nicola Fratoianni (Sel), il consigliere regionale Pd Donato Pentassuglia, il sindaco di Taranto Ippazio Stefàno e diversi manager e dirigenti dello stabilimento, come l’ex presidente Ilva ed ex prefetto Bruno Ferrante.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia e Diritto

Altro in Economia e Diritto

Non solo crescita per il Sud Italia

Rapporto Svimez 2017: luci e ombre sul Sud Italia

Daniele D'Amico28 luglio 2017
Resto al Sud: il lavoro è nel meridione

“Resto al Sud”: la misura del Governo per la crescita del Mezzogiorno

Daniele D'Amico1 luglio 2017
egione Puglia nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Regione Puglia: nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Daniele D'Amico23 giugno 2017
La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Il presente è l'industria 4.0

Piano nazionale industria 4.0: opportunità per le imprese italiane

Daniele D'Amico21 febbraio 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016
Direttori generali

Nuovo avviso Regione Puglia per direttori generali delle aziende ed enti S.S.R.

Mariangela Lomastro16 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it