Eventi

Festival del giornalismo: il protagonista è Twitter

Numeri da record per #ijf16

Questo articolo è stato visualizzato 5.627 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Festival del giornalismo: il protagonista è Twitter
Daniele D'Amico

E’ terminata domenica 10 aprile, l’edizione 2016 del Festival Internazionale del Giornalismo che quest’anno ha festeggiato il decennale con un ricchissimo programma di eventi, workshop ed incontri.

Un Festival in continua crescita e dallo spirito sempre più internazionale”, con queste parole si sono espressi in conferenza stampa i fondatori dell’evento: Arianna Ciccone e Christopher Potter. “Molti speakers giunti a Perugia per #ijf16, hanno speso commenti positivi, definendolo il miglior evento giornalistico al mondo” – ha aggiunto la Ciccone. La novità di quest’anno per gli stes12993634_1005117379573065_2303276813161844282_nsi speaker è stata la scoperta delle bellezze del territorio, una promozione culturale ed artistica di Perugia.  Cinque giorni in cui il capoluogo umbro si è trasformato in un luogo  di confronto fra le diverse voci dell’informazione e della cultura. Sono state inoltre privilegiate le voci dei giornalisti free-lance piuttosto che dei direttori di testate. Al di là dei grandi nomi, il pubblico ha seguito con grande successo anche quei volti dell’informazione meno conosciuti, poichè già nelle precedenti edizioni si era capito che il pubblico è interessato soprattutto ai contenuti, ai nuovi linguaggi, alla sperimentazione e ai social network, che sono il vero motore dell’informazione.

Giornalismo e social

La piattaforma del festival è stata senza dubbio Twitter che ha trasmesso in streaming gli incontri. Gli eventi più seguiti online sono stati il ttwitteralk sula libertà di informazione di Peter Greste (pluripremiato giornalista e corrispondente australiano per Al Jazeera English) e “Raqqa in Being Slaughtered Silently”, un incontro con Abdalaziz Alhamza e Hussam Eesa, due giovani attivisti siriani che hanno raccontato l’attività del gruppo RBSS, da loro fondato, per divulgare i massacri dell’ ISIS in Siria. Tra gli eventi più importanti citiamo “The Millenials: inseguendo e costruendo le nuove comunità online” e “Da Twitter al Teatro, nuovi linguaggi giornalistici”. In merito al primo forum, testate e piattaforme news tentano sempre più di creare una relazione con un pubblico giovane attraverso i social network, ad esempio la BBC su Instagram e la CNN su Snapchat.  Twitter e Facebook stanno diventando canali per instant article, inseguendo i lettori nelle loro reti sociali quotidiane. Tv, radio e giornali sperimentano invece forme di civic journalism che alimentano il dibattito pubblico favorendo identità localizzate, costruendo community. La costruzione di una comunità di lettori è un processo di trasformazione che riguarda i formati, i linguaggi e le logiche di distribuzione.

Antonella Di Lazzaro direttore media Twitter Italia ha spiegato come il microblogging sia il primo social dell’informazione italiana ad avere più cura per gli aspetti sociali e sociologici delle community. Per quanto riguarda il secondo incontro, Beppe Servergnini e Stefania Chiale  conduttori della tramissione Rai “L’erba del vicino” hanno parlato del ruolo del giornalista come ricercatore di notizie ma, soprattutto, dei nuovi linguaggi10422435_1004787569606046_2223488743964780556_n emergenti del giornalismo. Servegnini ha asserito a questo proposito che il fenomeno all’avanguardia non oscura i vecchi linguaggi ma li adatta al modo di fare giornalismo oggi. Un occhio di riguardo alle forme di espressione del passato è sintomo di umiltà secondo il giornalista del Corriere della Sera: la sperimentazione, applicata alle forme piuttosto che ai contenuti, affonda le radici nelle regole del passato. “Avevamo pochi mezzi prima, ma molta fantasia; ora abbiamo tanti mezzi, ma la fantasia scarseggia” ha dichiarato Severgnini. Il pubblico, invece, è sempre disposto alle novità, ad esempio immergendosi nella cronaca nera attraverso lo storytelling o nella politica con il teatro. Infine, l’editorialista del Corriere ha fornito otto consigli ai professionisti dell’informazione: 1. siate assidui, non abitudinari; 2. siate originali, non scontati; 3. siate spontanei, non impulsivi; 4. siate stimolanti, non petulanti; 5. siate utili, non indispensabili; 6. siate precisi, non pignoli; 7. siate curiosi, non egocentrici; 8. siate attenti, non permalosi. 

L’International Journalism Festival ha registrato un successo sui social molto importante: sono stati infatti 335mila gli accessi per i video del canale YouTube (dati aggiornati al 9 aprile), 7mila ore di visualizzazione dal vivo e on demand e 12mila visualizzazioni in diretta streaming; l’hashtag #ijf16 ha prodotto circa 50mila tweet dal 6 al 10 aprile, provenienti da 10mila utenti dei cinque continenti. Una curiosità: la foto al tramonto di Fedez sulla terrazza di Viale Indipendenza ha registrato 61mila ‘like’. 12980465_1010284909018950_2123926897_n (1)La fascia di pubblico più ampia che ha interagito con la pagina fan ufficiale del Festival, è costituita da donne tra i 25 e i 34 anni (il 24% dei fan) e la maggior parte degli utenti si è connessa attraverso dispositivi mobile. Tra la novità di quest’anno, ijf16 ha offerto un servizio di live news  su Telegram, con un BOT creato per l’occasione che ha ricevuto un totale di 2500 richieste.  Si pensa già all’edizione 2017: Il Festival Internazionale del Giornalismo tornerà infatti a Perugia dal 5 al 9 aprile prossimi.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eventi
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Eventi

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018

Tripudio di sapori e suggestioni con GustoJazz

Tiziana Di Gravina22 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
Bari impazzisce per Saviano

Saviano a Bari: dallo ius soli all’educazione al fallimento

Daniele D'Amico20 ottobre 2017
"La più bella sei tu", a Cerignola l'oliva è sacra

“La più bella sei tu”: l’oliva da tavola è protagonista in Puglia

Daniele D'Amico18 ottobre 2017
Torna a Lecce, Conversazioni sul Futuro

“Conversazioni sul Futuro”: tutto pronto per la V edizione

Daniele D'Amico27 settembre 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it