Arte, cultura e spettacolo

La Pinacoteca Provinciale di Bari dal ’28 ad oggi.

Le opere d’arte patrimonio di tutti

Questo articolo è stato visualizzato 834 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

La Pinacoteca Provinciale di Bari dal ’28 ad oggi.
Francesco Tiberio

Il primo nucleo patrimoniale dell’attuale Pinacoteca Provinciale di Bari si forma nel 1928, con una raccolta di opere originarie di Chiese e di Conventi. Non dobbiamo dimenticare che con le Leggi Eversive, applicate all’ex Regno di Napoli, dopo la sua conquista da parte dei Piemontesi, i libri, le opere d’arte si trovavano presso la Prefettura. Il 1935 è l’anno in cui sorge sul Lungomare Nazario Sauro, il palazzo della provincia, che nasce con le Pinacoteche, concepite e strutturate come un museo.

Il patrimonio artistico del Museo, quindi, divenne sempre più cospicuo grazie alle numerose donazioni, acquisti, depositi, ottenuti parte da istituti religiosi e parte dal ministero della P.I. (Pubblica Istruzione). Elemento qualificante e caratterizzante è la raccolta di dipinti dell’800, fra cui spiccano numerosi Neti e alcuni De Nittis. Inoltre sono sistemate opere della scuola veneziana del Rinascimento (Bellini, Venziani, Bordone), della scuola napoletana del ‘600 e del ‘700 (Rosa, Giordano, Solimena) e dell’800 (Michetti, Palizzi, Moretti, Toma, Netti), nonché di artisti pugliesi moderni e contemporanei tra i quali De Giosa.

Ai nostri giorni, viene attribuito ai musei un nuovo ruolo: il passaggio dalla tradizionale concezione di custodie ed esposizione, basata unicamente su criteri estetici, ad una nuova gestione, che si avvicini più ai moderni criteri manageriali. Concludendo l’opera d’arte è deve essere patrimonio di tutti e da tutti può venire intesa ed amata, purché ci si abitui a considerarla come una cosa viva, che parla e si esprime attraverso un linguaggio diverso ma non meno comprensibile di quello delle parole: il linguaggio della forma e del colore. E tutto affinché si superi la barriera di diffidenza, di pregiudizi, che ancora purtroppo ne tiene lontana la stragrande maggioranza del pubblico.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it