Cronaca estera

USA: imprenditore regala azioni milionarie ai dipendenti

Il boss della Chobani, un immigrato curdo, dopo aver creato un colosso miliardario ricompensa i propri lavoratori, anch'essi tutti immigrati.

Questo articolo è stato visualizzato 984 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

USA: imprenditore regala azioni milionarie ai dipendenti
Pierfrancesco Caira

I dipendenti della Chobani, colosso USA dello yogurt greco il cui valore viene stimato fra i 3 e i 5 miliardi di dollari, hanno ricevuto una sorpresa più che gradita nella giornata di ieri, quando il fondatore ed amministratore della società, Hamdi Ulukaya, immigrato curdo che incarna alla perfezione il cosiddetto “sogno americano”, ha annunciato che devolverà loro, sotto forma di azioni, il 10% della compagnia da lui fondata. “Non si tratta di un regalo, ma della promessa reciproca di lavorare insieme, condividendo intenti e responsabilità, per creare qualcosa di speciale che duri nel tempo”, queste le parole di Ulukaya nella lettera scritta per comunicare ai suoi circa 2.000 impiegati la notizia della gratifica ricevuta. Il giro d’affari della compagnia supera il miliardo e mezzo di dollari annui e la quantità di azioni elargite sarà proporzionale all’anzianità dei dipendenti, che erano tutti immigrati senza lavoro prima di essere assunti da Ulukaya.

Nel caso in cui la Chobani venisse quotata in borsa oppure venduta, secondo quanto riporta il New York Times, il valore medio delle azioni dei dipendenti si attesterebbe attorno ai 150.000 dollari, con punte superiori al milione di dollari per i lavoratori con maggiore anzianità; al momento del pensionamento o comunque all’interruzione del rapporto lavorativo i dipendenti potranno anche decidere di vendere le azioni alla società stessa per garantirsi un’ulteriore bonus. Iniziative simili sono rare nel settore alimentare (un esempio viene da Bob Moore, fondatore della Bob’s Red Mill) e decisamente più comuni in quello tecnologico, in tal modo gli impiegati più anziani di Google e Facebook sono diventati multimilionari nel giro di una sola notte, ma Hamdi Ulukaya è uno dei pochissimi ad aver ricompensato i propri dipendenti con premi in azioni di una società il cui valore è ampiamente riconosciuto e la cui fama è rinomata e consolidata.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca estera

Caso Regeni, quando i soldi sono più importanti della vita di un connazionale

Vincenzo Demichele5 aprile 2016
Hilde Kate Lysiak

USA: reporter di 9 anni batte sul tempo i media

Pierfrancesco Caira5 aprile 2016

Attentati di Bruxelles, il terrorismo molecolare che devasta l’Europa

Vincenzo Demichele25 marzo 2016
Raqia Hassan

ISIS contro la libertà di stampa: uccisa la giornalista Raqia Hassan

Daniele D'Amico9 gennaio 2016

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Albini in Africa: tra superstizione e violenza all’indomani delle elezioni politiche

Federica Bartoli22 settembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
amazon

New York Times contro Amazon: condizioni lavorative insostenibili

Francesco Tiberio20 agosto 2015

Cos’è il Falun Gong? A Polignano una dimostrazione

teresamanuzzi20 luglio 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it