Arte, cultura e spettacolo

Ezio Bosso incanta al Teatro Petruzzelli

Pubblico gremito e lungo scroscio di applausi per il musicista, giunto a Bari con il suo tour "The 12h Room"

Questo articolo è stato visualizzato 6.268 volte. Leggi altri articoli di: Maria Teresa Trivisano.

Ezio Bosso incanta al Teatro Petruzzelli
Maria Teresa Trivisano

L’ attesa è finita. Si è svolto ieri sera, al Teatro Petruzzelli di Bari, il concerto del pianista e compositore Ezio Bosso: una tappa del tour di “The 12h Room” che in pochi giorni ha subito registrato sold out.

Il maestro entra in scena salutando il pubblico con un “Ciao” spregiudicato e divertente che in un attimo annulla qualsiasi distanza e accoglie tutti nel suo mondo, tra le varie “stanze” della vita. A dominare il palco solo lui e il suo pianoforte, il grande fratello Steinway, come ama definirlo, compagno inscindibile dei suoi giorni.

L’ emozione è viva e palpabile, riflessa nel suo sguardo che ogni tanto nasconde tra le mani, usate come scudo per riprendere fiato e descrivere le tappe di un viaggio che esplora la banalità dell’ uomo, spesso incapace di valorizzare le bellezze della vita. Lo scopo del viaggio è “perdersi” e inseguire la magia delle piccole cose, come insegna il singolo “Following a bird”:  brano di apertura che dà il la a un tripudio di melodie intense e suggestive, destinate a dominare la serata. Emozione e ironia sono la chiave di volta del successo di Ezio Bosso, equilibrista perfetto tra momenti di umorismo e attimi di pura empatia, quando accoglie il pubblico nelle sue stanze, raccontando delle “frequentazioni” con Bach, Chopin e il dolceamaro di Emily Dickinson.

Musica e parole si intrecciano in componimenti che raggiungono picchi di pathos, scanditi dal ritmo incessante delle dita che battono sul piano e toccano le corde dell’ anima in uno slancio improvviso e liberatorio. Il pubblico, in piedi, rende omaggio all’ artista con un lungo e interminabile scroscio di applausi. Il maestro saluta con un “Ciao” e la potenza disarmante del suo sorriso.

Visualizza Commenti (1)

1 Commento

  1. Paola

    18 maggio 2016 at 10:26

    Che dire.. E’ stato talmente intenso ed emozionante che non si può esprimere a parole tutte le emozioni che Il Maestro ci ha regalato..Il Petruzzelli era in un religioso ed emozionante silenzio, mentre lui ci parlava delle sue stanze e ci regalava sorrisi e lacrime.. Una musica che entrava direttamente nell’anima, parole che toccavano corde intime e universali. Ringrazio Il Maestro per tutto quello che ci ha regalato in due ore.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

nerve blu whale

Nerve: la Blue Whale al cinema?

Francesco Tiberio20 giugno 2017
Digithon: la Puglia è digitale

DigithON: la maratona digitale italiana è pugliese

Daniele D'Amico13 giugno 2017
Medimex 2017

Medimex 2017: in Puglia la musica non è un optional

Daniele D'Amico10 giugno 2017
Piccolo Festival della Parola

Piccolo Festival della Parola: a Noci fino all’11 giugno

Daniele D'Amico9 giugno 2017
ecce al via la prima edizione di INcoSCiENZA

Lecce: al via la prima edizione di “INcoSCiENZA”

Daniele D'Amico3 giugno 2017
Forum PA 2017: la Puglia sarà protagonista

Il Consiglio Regionale della Puglia partecipa al Forum PA 2017

Daniele D'Amico22 maggio 2017
Bitonto Cortili Aperti 2017: la bellezza dei luoghi

Puglia: grande attesa per Bitonto Cortili Aperti

Daniele D'Amico18 maggio 2017
ArtLab17 Taranto

ArtLab 17 Taranto – Matera: il sud in trasformazione

Daniele D'Amico15 maggio 2017
Libando

“Libando, viaggiare mangiando”: successo clamoroso in Puglia

Daniele D'Amico7 maggio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it