Scienza & Tecnica

Spazio: scoperti tre pianeti simili al nostro

Individuati per la prima volta ben tre corpi celesti, somiglianti per caratteristiche alla Terra, che ruotano attorno alla stessa stella.

Questo articolo è stato visualizzato 807 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Spazio: scoperti tre pianeti simili al nostro
Pierfrancesco Caira

La scoperta è unica nel suo genere, infatti mai prima d’ora erano stati individuati tre pianeti così simili alla Terra e tutti in orbita attorno alla stessa stella, a “soli” 40 anni luce dal sistema solare. A riuscire nell’impresa un gruppo di scienziati condotto da Michael Gillon, astrofisico dell’Università di Liegi (Belgio), lo studio ha ricevuto la pubblicazione sulla nota rivista Nature. La stella attorno a cui transitano i tre pianeti, ritenuti tutti potenzialmente abitabili, è una nana bruna nota col nome di TRAPPIST-1 e se si considerano le sue caratteristiche, ovvero la temperatura dimezzata e la massa pari a un decimo rispetto al sole, risulta difficile immaginare che attorno ad essa possano ruotare dei corpi celesti, ragione per cui la scoperta effettuata è ancora più clamorosa. TRAPPIST-1 presenta una colorazione rossastra, è poco più grande di Giove e sarebbe impossibile osservarla ad occhio nudo o con l’ausilio di un telescopio tradizionale dalla Terra.

Per 62 notti consecutive, da settembre a dicembre, il team di studiosi ha potuto documentare le proprie ricerche grazie ad un super telescopio sito sulle alture del Cile, in grado di distinguere anche la luce infrarossa, denominato TRAPPIST (Transiting Planets and Planetesimals Small Telescope) proprio come la stella. I tre pianeti sono di dimensioni molto simili alla Terra e ricevono dalla nana bruna circa il quadruplo delle radiazioni che noi riceviamo dal Sole, il che li colloca quasi sicuramente all’interno della “zona abitabile”, ossia la regione attorno a una stella in cui è teoricamente possibile, in base alla temperatura del pianeta orbitante e alla sua distanza dalla stella, che sulla superficie del pianeta siano presenti tracce di acqua allo stato liquido e, di conseguenza, che esistano su di esso sia un’atmosfera che delle regioni abitabili. Trattandosi, tuttavia, di una scoperta recente dovremo aspettare qualche anno per conoscere ulteriori sviluppi.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scienza & Tecnica

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
net-neutrality-protest

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

Francesco Tiberio18 dicembre 2017
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it