Cronaca nazionale

Omicidio di Corsico: l’assasinio di Iulian Razvan Laszlo

Le toccanti dichiarazioni degli Avv.ti di parte civile: Roberto Loizzo e Pasquale Trigiante del foro di Bari

Questo articolo è stato visualizzato 2.793 volte. Leggi altri articoli di: Antonio Catacchio.

Omicidio di Corsico: l’assasinio di Iulian Razvan Laszlo
Antonio Catacchio

Il fatto di cronaca nera

Era il 23 luglio 2015 quando a Corsico (MI), tre ragazzi, tre amici, decidono di incontrarsi presso la stazione ferroviaria del piccolo comune di 34mila anime nelle vicinanze di Cesano Boscone. Due di loro, in particolare, Dario Calzone, diciannovenne italiano, e Iulian Razvan Laszlo, sedicenne romeno, si conoscono da tempo, frequentano la stessa palestra, e si trovano spesso insieme.
Quella sera, all’appuntamento con l’accaduto, ad aspettare l’arrivo di Iulian in stazione, insieme a Dario Calzone, c’è anche K.M., sedicenne armato di un revolver calibro 22.

Le dichiarazioni rilasciate al corriere dagli Avv.ti costituiti parte civile per i familiari della vittima

Roberto Loizzo e Pasquale Trigiante

Nella foto gli Avv.ti del foro di Bari (nell’ordine da sinistra): Pasquale Trigiante e Roberto Loizzo

Ad assistere la madre e la zia del minore scomparso due avvocati del Foro di Bari Roberto Loizzo e Pasquale Trigiante.
<<La morte di un figlio è un qualcosa che non può essere compresa né spiegata>> ha affermato l’Avvocato Loizzo <<cerco sempre di dare il meglio in ogni questione che mi viene sottoposta, ma questa vicenda mi ha toccato profondamente perché lo sguardo di una madre, con i suoi occhi gonfi di lacrime, è qualcosa che ti segna profondamente. Mi sono battuto affinchè possa essere fatta giustizia e mi batterò affinché la mamma di Razvan Iulian possa avere il giusto ristoro che merita>>.
L’ Avvocato Trigiante, difensore della zia del ragazzo deceduto, sottolinea il legame che c’era nella famiglia <<incredibile è stata l’unione familiare che ha contraddistinto questo nucleo, che si è notevolmente avvicinato a causa di questa perdita. Voglio sottolineare come siano stati proprio la zia di Iulian ed il cugino a dare ai Carabinieri le prime indicazioni su chi cercare, fornendo il nome del Calzone perché sapevano che quella sera si sarebbe dovuto incontrare con lui>>.

L’ epilogo della dolorosa vicenda giudiziaria

Il 19 maggio si è concluso il processo di primo grado nei confronti di K.M. per il quale si è proceduto separatamente, essendo minorenne, con una condanna a 10 anni di reclusione per omicidio volontario.
Oggi 22 giugno, si è celebrata l’udienza di discussione finale in cui sono state anche avanzate le richieste di risarcimento danni per le Parti Civili costituite, rinviata a seguito della complessa arringa finale del difensore dell’imputato.
Al termine della camera di consiglio, il giudice, dott.ssa Campanale, GUP presso il Tribunale di Milano ha fissato per il giorno 9 settembre 2016 la data ultima del procedimento penale, in cui saranno effettuate le repliche e verrà data lettura della sentenza.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca nazionale
Antonio Catacchio
@tonykataklios

Nato a Bari nel freddo gennaio del 1979, non ha intrapreso esclusivamente l'Università della vita, come molti oggi vanno orgogliosamente sostenendo. Oltre a quella infatti si è anche laureato in giurisprudenza presso l'Università degli studi di Bari nel 2009 con una tesi in diritto penale dal titolo "La frode informatica". Dopo aver sostenuto gli scritti per l'esame di avvocato nel dicembre 2011, si inerpica come un dedalo, nella realizzazione di un magazine online iniziando a studiare SEO, SEM e aprendo account online su social media d'ogni genere per iniziare a carpirne funzionamento ed evoluzioni. Tra un lavoro occasionale ed un altro a tempo determinato, dirige e conduce gli aspetti organizzativi del progetto corrieredellepuglie.com, di cui è il maggiore artefice. Nel 2013 fonda insieme a Claudio Santovito, Roberto Loizzo e Teresa Manuzzi l'Associazione InformAEticaMente.it, editrice del corrieredellepuglie.com.

Altro in Cronaca nazionale

city toys

City toys, in cinque dovranno rispondere per concorso in truffa continuata

Antonio Catacchio1 ottobre 2016

Scuola, al via il primo giorno. Arrivederci estate…..

Daniele D'Amico12 settembre 2016
Antitrust

Antitrust e GdF: stop a 174 siti

Pierfrancesco Caira18 marzo 2016

Farmacie Puglia: assegnazioni nuove sedi dal 31 gennaio

Antonio Catacchio29 gennaio 2016

Trivellazioni, sì della Consulta al referendum

Vincenzo Demichele22 gennaio 2016

Primo interpello concorso sedi farmaceutiche

Antonio Catacchio13 dicembre 2015

Concorso Straordinario Farmacie Regione Puglia

Mariangela Lomastro19 ottobre 2015

Chiesa e Sinistra: quasi amici

Ricky Violante16 ottobre 2015

Taranto, migliaia di rifiuti radioattivi mal custoditi a Statte

Vincenzo Demichele26 settembre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it