Moda & Tendenze

Moda e sostenibilità: Il pensiero dei Millennials

L'81% degli intervistati, sarebbe disposto a pagare un prezzo maggiore per un prodotto sostenibile. È la tendenza che emerge da un'indagine di PwC sul tema della fashion sustainability

Questo articolo è stato visualizzato 888 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Moda e sostenibilità: Il pensiero dei Millennials
Daniele D'Amico

La sostenibilità guida le scelte dei Millennials, anche in merito alla moda. Sempre più attenti al tema, sui social e sui media tradizionali, in assenza di campagne efficaci che descrivano l’impegno delle aziende, la nuova generazione di consumatori cerca di informarsi da soli. Il 58% dei giovani nati tra il 1980 e il 2000 crede che le aziende di moda non prestino sufficiente attenzione al tema sostenibilità e l’88% è convinto che dovrebbero comunicare in modo più chiaro e trasparente dove, da chi e come viene prodotto un capo d’abbigliamento. L’81% sarebbe disposto a pagare un prezzo maggiore per un prodotto sostenibile. È la tendenza che emerge da un’indagine di PwC sul tema sostenibilità e moda, condotta attraverso 3160 interviste e l’analisi di oltre 85.000 conversazioni a livello globale.

Cos’è la sostenibilità per i Millennials e come giudicano il “modus operandi” delle aziende di moda sul tema?

L’indagine, presentata  durante l’evento “Crafting the future of fashion” della Camera Nazionale della Moda Italiana, è stata condotta attraverso 3160 interviste a giovani nati tra il 1980 e il 2000, e l’analisi di oltre 85.000 conversazioni a livello mondiale. La ricerca ha raccolto anche la fotografia di quanto stanno facendo le aziende del settore fashion sul tema, attraverso un panel rappresentativo di 16,6 miliardi di euro di fatturato.

I Millenials usano i metodo dell’informazione “fai da te” in quanto le aziende ancora non comunicano in maniera incisiva e strutturata riguardo questi temi.

Erika Andreetta, Retail Consulting Leader di PwC spiega:«Comunicando in maniera diversa e incidendo di più sulla chiarezza e trasparenza dell’etichetta e nelle campagne pubblicitarie, puntando ad una comunicazione continuativa. La sostenibilità deve diventare un messaggio sempre presente delle comunicazioni delle aziende: nelle campagne pubblicitarie, nel social network e nel prodotto stesso».

Quando un’azienda viene giudicata inaffidabile perché ha adottato un comportamento irresponsabile con impatti ambientali e/o sociali, il 52% degli intervistati dichiara che sicuramente non acquisterà più.

A conferma dell’attenzione sul tema della sostenibiltà l’81% degli intervistati sarebbe disposto a pagare un sovrapprezzo per un prodotto sostenibile, con il 65% che pagherebbe tra il 10% e il 20% in più. Il 41% dei Millennials afferma infatti che la sostenibilità può aumentare in maniera significativa la fedeltà verso un brand. Il comportamento d’acquisto consapevole, si traduce in una maggiore informazione pre-acquisto, dichiarata dal 32% dei rispondenti all’indagine.

Dove e come si informano i Millennials?

Si documentano online attraverso i siti delle aziende (33%), con passaparola (24%), via social network (19%), mentre in maniera marginale attraverso pubblicità (13%) e giornali e riviste (11%). Le campagne pubblicitarie pesano per il 59%, i social il 47%, i siti aziendali vengono considerati utili dal 40% dei rispondenti mentre dimostrano scarso interesse per le celebrities, considerate utili solo del 12% dei Millennials.

Presentazione ricerca PwC 

 

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moda & Tendenze
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Moda & Tendenze

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016
playdate

Playdate: il primo giocattolo “smart” per cani e gatti

Pierfrancesco Caira6 luglio 2016
Moda Pitti

La moda uomo dal Pitti alla Fashion Week

Maria Teresa Trivisano16 giugno 2016
bikini

Il bikini tra scandali e tendenze

Maria Teresa Trivisano9 giugno 2016

Scaricare musica gratis con Telegram

Antonio Catacchio15 febbraio 2016

Il Tocco di Minerva, storia di un brand Made in Puglia

Antonella Tomaselli12 febbraio 2016

Influencer, gli opinionisti dell’era digitale

Antonio Catacchio11 febbraio 2016

Come incrementare rapidamente i tuoi followers su Instagram

Antonio Catacchio5 gennaio 2016

In arrivo il vino vegano

Gabriella De Santis28 dicembre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it