Cronaca

Franco Gabrielli su Ventimiglia: “I migranti vanno portati altrove”

"Non è serio dare la colpa ai No Border per la morte del poliziotto"

Questo articolo è stato visualizzato 546 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Franco Gabrielli su Ventimiglia: “I migranti vanno portati altrove”
Daniele D'Amico

“Dobbiamo decomprimere la situazione a Ventimiglia e c’è un solo modo per farlo: prendere queste persone e portarle da un’altra parte”. Lo ha detto il capo della Polizia Franco Gabrielli a Imperia riguardo la situazione a Ventimiglia. “La situazione è grave ma non tragica – ha aggiunto -. Credo che lo sforzo durerà almeno fino alla fine dell’estate. Per quanto offriamo alternative di accoglienza loro vogliono passare la frontiera. Dall’altra parte la disponibilità non c’è e dobbiamo perciò gestire questa situazione di stallo”.

“Non bisogna dimenticare quanto è stato fatto” ha aggiunto il capo della polizia. “Rispetto a un anno fa è stato realizzato un centro dove dare accoglienza dignitosa a queste persone”– ha spiegato Franco Gabrielli -. “C’è la gestione di un flusso che è rimasto costante a fronte del fatto che molte persone stanno risalendo la penisola e molte vengono rimandate qui dai colleghi francesi. Già mantenere livelli di stabilità implica trasferimenti, servizi, programmazione. Per questo mando un plauso al prefetto e al questore di Imperia che hanno saputo gestire la situazione”.

I complimenti alla mobile

“Un plauso anche al reparto mobile che nel momento in cui un loro collega era a terra esamine non ha lasciato la posizione, haVentimiglia salvaguardato i fermati in modo corretto e gestito al meglio l’ordine pubblico”. “Dietro queste azioni – ha aggiunto Gabrielli – ci sono uomini e donne che lavorano con grande abnegazione e sacrificio. La mia presenza oggi è un gesto solidarietà e ringraziamento”.

“Non abbiamo rabbia nei confronti di nessuno. Certamente addebitare ai No Border la morte del nostro collega credo sia poco serio”, ha poi detto Gabrielli sulla morte dell’assistente capo Diego Turra, avvenuta sabato scorso mentre si apprestava a partecipare ad un servizio di contenimento dei manifestanti No Border a Ventimiglia.

Il reparto mobile della polizia di Genova, presente in questi giorni a Ventimiglia, sarà inviato a Chiomonte, in Valle Susa (Torino) dove si trova il cantiere della Torino-Lione. A Ventimiglia è atteso il Reparto Mobile di Torino. La decisione sarebbe stata presa per evitare tensioni dopo la morte dell’assistente capo Diego Turra, colpito da infarto mentre si preparava a fronteggiare i No Borders.

Intanto a Ventimiglia, da alcuni giorni ormai, è aumentato il numero di agenti e di carabinieri, presenti con il Battaglione mobile, e del personale dell’intelligence. Ai due varchi di frontiera, Ponte san Ludovico e Ponte San Luigi su territorio italiano è presente anche l’esercito. Una situzione difficile da risolverem che va tenuta in costante monitoraggio.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it