Cronaca

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Gli ambulanti, commercianti in via di estinzione?

Questo articolo è stato visualizzato 760 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche
Francesco Tiberio

La direttiva “Bolkestein” dell’Unione Europea (emanata nel 2006, e recepita in Italia nel 2010), relativa ai servizi nel mercato europeo comune, ha l’obiettivo di facilitare la circolazione di servizi all’interno dell’unione europea, perché i servizi rappresenterebbero il 70% dell’occupazione in Europa, e la loro liberalizzazione, a detta di vari economisti, aumenterebbe l’occupazione ed il PIL dell’Unione europea.

Con poche regole generali, la direttiva è nata per semplificare le procedure amministrative, eliminare l’eccesso di burocrazia, sviluppare la libera circolazione dei servizi, armonizzare le legislazioni dei paesi membri, soprattutto a tutela dei consumatori. Ma in realtà essa si sta dimostrando un fallimento su vari aspetti. Di fronte alla liberalizzazione del settore del commercio, e tenendo presente anche gli ambulanti che sono oltre i 160 mila a livello nazionale (di cui circa ai 10mila operanti nei mercati regionali), oggi più che mai risulta vitale intervenire per tutelare un comparto che dovrebbe essere escluso dall’applicazione della Bolkestein. Perché qualora non si verificassero opportune modifiche alla norma, il rischio sarebbe che migliaia di famiglie che si sono sacrificate con impegno per intere generazioni, contribuendo ad incrementare l’economia locale e pagando le tasse, sarebbero lasciate senza lavoro. Per questo a tutt’oggi la protesta degli ambulanti continua forte a far sentire la propria voce.

È urgente che la norma nazionale garantisca i diritti degli ambulanti con una deroga alla direttiva europea, per evitare che vengano messi a bando i loro posteggi. E’ necessario anche preservare i diritti di anzianità e professionalità del settore del commercio su aree pubbliche nelle procedure di rinnovo delle concessioni, salvaguardando un settore che svolge da tempo incalcolabile un ruolo e una funzione economica e sociale importantissima sul territorio.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016
trump

Donald Trump nuovo presidente degli Stati Uniti

Francesco Tiberio10 novembre 2016
caduceo

Caduceo d’Oro 2016: l’innovazione sostenibile

Mariangela Lomastro8 novembre 2016
city toys

City toys, in cinque dovranno rispondere per concorso in truffa continuata

Antonio Catacchio1 ottobre 2016
Confconsumatori

ConfConsumatori parte offesa nel precedimento sul disastro ferroviario

Antonio Catacchio27 settembre 2016

Scuola, al via il primo giorno. Arrivederci estate…..

Daniele D'Amico12 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it