Politica regionale

Puglia, 15 milioni di euro per il sostegno agli affitti

La Regione stanzia 10 milioni che si aggiungono ai 5 già resi disponibili nei mesi precedenti

Questo articolo è stato visualizzato 648 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Puglia, 15 milioni di euro per il sostegno agli affitti
Daniele D'Amico

Un fondo da 15 milioni di euro per stare vicino alle famiglie pugliesi che non riescono a pagare l’affitto. La Regione stanzia nuove risorse da destinare al cofinanziamento regionale del Fondo per il sostegno affitti dell’anno 2015. Ad annunciarlo gli assessori alle politiche abitative e al bilancio, Annamaria Curcuruto e Raffaele Piemontese, che hanno stanziato altri 10 milioni di euro da destinare ai morosi. Il provvedimento si affianca ai 110 milioni di fondi comunitari per  risanare circa 2.000 abitazioni del patrimonio pubblico

Contributi per inquilini e famiglie meno abbienti

I 10 milioni si aggiungono ai 5 milioni di euro già resi disponibili nei mesi precedenti. Non manca una nota di dissenso nei confronti delSoldi per le famiglie più bisognose governo: “Questa somma – è scritto in un comunicato della Regione – consentirà, nonostante il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non abbia stanziato alcuna risorsa per lo stesso anno, la concessione di contributi sui canoni di locazione 2015 ai soggetti meno abbienti”. Ora i soldi stanziati saranno ripartiti ai Comuni e questi ultimi emaneranno bandi per individuare i soggetti destinatari dei contributi.

Si tratta della seconda misura in tema di edilizia varata dal governo regionale in poco tempo. Solo qualche giorno fa la giunta ha approvato una delibera con cui sono stati stanziati 110 milioni di euro di fondi comunitari per la riduzione del disagio abitativo. Denaro da destinare al risanamento di circa 2.000 abitazioni del patrimonio pubblico dell’Arca (agenzia regionale per la casa), costruite negli anni ’70. Si tratta di edifici che si trovano anche in Comuni a rischio sismico.

Verrà data precedenza ai quartieri dei Comuni di San Severo, Cerignola e Lucera, ma anche alle otto palazzine con 240 appartamenti dell’Isola di Taranto, risalenti al 1936, alle abitazioni al rione Paradiso di Brindisi e al quartiere Japigia di Bari. Gli interventi serviranno a garantire la stabilità degli edifici, ma anche a eliminare le barriere architettoniche e a migliorare l’efficienza energetica.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica regionale
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Politica regionale

La Regione Puglia aiuta le aziende agricole

Regione Puglia: cinque milioni per le imprese colpite dalla Xylella

Daniele D'Amico8 agosto 2017
Puglia all’avanguardia in Italia

Regione Puglia all’avanguardia: un centro per l’infanzia nella sede esecutiva

Daniele D'Amico4 agosto 2017

Mega concerto per il SI’ al Referendum

Mariangela Lomastro11 aprile 2016

Vendola rinviato a giudizio per l’Ilva, ma tutti parlano solo del figlio

Vincenzo Demichele6 marzo 2016

Così ammazzano la sanità in Puglia: chiudono altri 9 ospedali

Vincenzo Demichele23 febbraio 2016

Referendum anti-trivelle, si vota il 17 aprile. No all’election day, sprecati 300 milioni

Vincenzo Demichele17 febbraio 2016

Puglia, 100 mila euro spesi dalla regione per la traslazione di Padre Pio a Roma

Vincenzo Demichele9 febbraio 2016

Trivellazioni, sì della Consulta al referendum

Vincenzo Demichele22 gennaio 2016

Regione Puglia, ridotte le vacanze dei consiglieri dopo le proteste

Vincenzo Demichele21 dicembre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it