Eventi

Saviano a Bari: dallo ius soli all’educazione al fallimento

Duetto inedito tra il comico barese Pinuccio, e Roberto Saviano. Il pubblico ha risposto positivamente alla presentazione di «Vieni via con me», ultima opera dello scrittore campano, pubblicata il 2 marzo e nata dalla fortunata trasmissione con Fabio Fazio

Questo articolo è stato visualizzato 952 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Saviano a Bari: dallo ius soli all’educazione al fallimento
Daniele D'Amico

La folla ha bloccato l’intera via Melo presidiata da Carabinieri, Polizia, artificieri, occupando strada e marciapiedi. 

«Sono felicissimo di essere a Bari, in questa terra: ogni volta che sono a Sud mi viene da pensare che a fermaSaviano presenta il suo libro a Abrirmi proprio non ce l’hanno fatta e, quindi, sono particolarmente contento, ma davvero». Lo ha detto lo scrittore Roberto Saviano, che da anni vive sotto scorta, arrivando Bari dove giovedì sera ha presentato il suo ultimo libro, Bacio feroce.  Presente l’assessore alla cultura  Silvio Maselli.  Traffico bloccato, tanta gente per ore in coda, un caldo abbraccio per lo scrittore napoletano: «Sono riuscito – ha aggiunto Saviano tra gli applausi dei tantissimi spettatori presenti – anche a godermi dieci minuti di passeggiata su questo magnifico lungomare». Il momento cloù è stato certamente quello ineternte alla gag con il comico barese Pinuccio: “La telefonata improbabile telefonata con Matteo Salvini”

 

Traffico bloccato, tanta gente per ore in coda, un caldo abbraccio per lo scrittore napoletanoRoberto Saviano  ha affermato che “Lo Stato si è dimenticato dei ragazzi della paranza, dei ragazzi che con l’inganno della luce pensano solo ai soldi. Tanti soldi e subito, per questi ragazzi i soldi sono l’unico scopo della vita, soldi facili, perché con questo denaro hanno donne e lusso”. Ancora lo scrittore: “per questi  giocani non Bari bloccata per Savianoconta il percorso ma il risultato, per arrivare allo scopo prendono le armi”.

Lo scrittore è arrivato accompagnato da tre ragazzi: Balkis Mohamed, etiope, Fatmira Khan e Janaq Qarri albanesi; vivono qui, ma non hanno la cittadinanza. Aiutano Saviano a far toccare con mano la necessità di una legge sullo Ius soli per la quale lui si batte da mesi. “Io scrivo, ho dentro l’ambizione così di poter cambiare la realtà, di spiegare il meccanismo, in modo tale che ci possa difendere. Se non avessi i miei canali per farlo, andrei porta a porta, come i testimoni di Geova, busserei e mi presenterei ‘salve sono Roberto Saviano e questo è il mio libro'”. E il libro è il Bacio feroce, su questo lo interrogano i tre ragazzi, si parla di paranza, paranzini, di spietati meccanismi, appunto.

La legge che non c’è, che renderebbe questo Paese più civile

Parlando dello «Ius soli», che ha definito una «legge che non c’è», Saviano ha detto che «è incredibile» che il nostro Paese «non riconosca il diritto di essere italiani a un milione e duecentomila persone, di cui ottocentomila bambini, che sono nati in Italia, che crescono in Italia, che parlano, vivono e amano italiano: stiamo perdendo un patrimonio immenso».

Capacità, formazione e cultura

«Sono felice di vedere ogni singolo vostro volto – ha detto ai tanti spettatori presenti – perché non vuole essere unaCaos alla Feltrinelli per Saviano semplice presentazione di un libro, ma un vero e proprio atto, non solo simbolico ma fattivo». A Saviano hanno rivolto domande sul libro alcuni ragazzi, ha detto lo scrittore, «che stiamo escludendo: ho voluto averli al mio fianco  per dimostrare la loro capacità analitica, il loro talento, la loro cultura». Aspetti che «secondo me – ha precisato – non sono abbastanza sottolineati in questo dibattito. Qui ci sono alcuni rappresentanti di queste intelligenze dalle quali voglio partire, insieme a voi, in questa discesa nelle pagine di questo libro feroce»

Il compito di non dimenticare i ragazzi che vivono ai margini della società, è certamente delle istituzioni, che devono mettere in campo tutti gli apparati sociali e formativi per una politica d’inclusione e non di esclusione.

 

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eventi
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Eventi

caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
"La più bella sei tu", a Cerignola l'oliva è sacra

“La più bella sei tu”: l’oliva da tavola è protagonista in Puglia

Daniele D'Amico18 ottobre 2017
Torna a Lecce, Conversazioni sul Futuro

“Conversazioni sul Futuro”: tutto pronto per la V edizione

Daniele D'Amico27 settembre 2017
Il mondo della comunicazione e dell'informazione sono sempre più vicini

“A Singolar Tenzone”: ultimo duello per un’informazione più efficiente

Daniele D'Amico21 settembre 2017
Inizia oggi Lector in Fabula

“Si fa presto a dire Rivoluzione”, inizia oggi Lector in Fabula

Daniele D'Amico14 settembre 2017
Fiera del Levante 2017, evento unico nel sud Italia

Fiera del Levante: la Regione Puglia punta su innovazione e cultura

Daniele D'Amico11 settembre 2017
Gallipoli capitale dei libri

Il Salento Book Festival fa tappa a Gallipoli

Daniele D'Amico19 luglio 2017
Tu non conosci il Sud: in Puglia l'estate è cultura

“Tu non conosci il Sud”: la cultura è un’opportunità di sviluppo

Daniele D'Amico11 luglio 2017
Prende il via, "Io non l'ho interrotta"

Giornalismo e comunicazione politica, al via: “Io non l’ho interrotta”

Daniele D'Amico5 luglio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it