Cronaca

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Minniti: "Il fermo di Roberto Spada è la dimostrazione che in Italia non esistono zone franche"

Questo articolo è stato visualizzato 138 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo
Francesco Tiberio

“Martedì pomeriggio, due inviati di Nemo Nessuno Escluso, il giornalista Daniele Piervincenzi e il film maker Edoardo Anselmi, sono stati violentemente aggrediti a Ostia da Roberto Spada (conosciuto anche come “Romoletto”), membro della famiglia Spada, già nota alle cronache per diverse inchieste giudiziarie, e da un suo sodale.” Così nel comunicato Rai, riguardo alla troupe del programma di Rai2 che doveva realizzare un servizio sul voto nel municipio di Ostia.

Daniele Piervincenzi che, microfono alla mano, conduceva l’intervista in toni che sembravano distesi, è finito in ospedale col naso rotto (poi dimesso la sera stessa); il videomaker Edoardo Anselmi, invece, ha riportato solo qualche livido. Piervincenzi è stato ospite in studio a Nemo, ha affermato: “Nel servizio che avete appena visto non c’è niente di eroico, io ero lì per fare domande, anche banali. Domande di politica. ” E continua “A quanto pare, per certe persone parlare di politica, è una provocazione.” Il 9 novembre, il giorno dopo l’aggressione, Spada è stato messo in stato di fermo e successivamente arrestato con l’accusa di lesioni aggravate e violenza privata oltre all’aggravante di aver agito in un contesto mafioso. Il ministro dell’interno, Marco Minniti, ringraziando la Procura della Repubblica di Roma e l’Arma dei Carabinieri, afferma: “Il fermo di Roberto Spada è la dimostrazione che in Italia non esistono zone franche”. Anche il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, si esprime sull’increscioso fatto: “Sono contento che finalmente ci sia un segnale di vita dello Stato: chi prende a testate o bastonate va in galera.” Ma se da una parte molte persone hanno espresso la loro solidarietà verso gli inviati, molte altre l’hanno espressa verso Roberto Spada. Infatti in un post sulla sua pagina Facebook, successivamente rimosso, dove si “giustificava” dell’accaduto molti utenti hanno commentato con: “Hai fatto bene”, “Se l’è cercata”, “Giornalisti di m…”, “A Robe’, quando ce vo ce vo.” Prontamente però Simone Di Stefano, vicepresidente di Casapound, prende le distanze “Spada non è un nostro esponente, Con lui non condividiamo nulla, se non una sua presenza ad una festa per bambini in piazza 18 mesi fa. Non rispondiamo certo delle sue azioni e la violenza è sempre deprecabile”.

Domenica scorsa, a urne aperte, alcuni testimoni oculari, votanti nei seggi di Nuova Ostia, hanno raccontato a “Il Fatto Quotidiano” che persone riconducibili al clan Spada erano davanti ai seggi della zona. “Erano in due, si sono messi lì davanti. Un uomo e una donna, volti conosciuti. Non facevano nulla: controllavano, scrutavano, fumavano e ogni tanto salutavano qualcuno” hanno spiegato i testimoni. Virginia Raggi, allarmata, risponde “Da sindaca quello che mi preoccupa molto sono queste segnalazioni inerenti alla presenza del clan Spada all’esterno di vari seggi”. Possibili rielezioni in vista?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016
trump

Donald Trump nuovo presidente degli Stati Uniti

Francesco Tiberio10 novembre 2016
caduceo

Caduceo d’Oro 2016: l’innovazione sostenibile

Mariangela Lomastro8 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it