Informatica & web

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

La fine dell' internet libero?

Questo articolo è stato visualizzato 729 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?
Francesco Tiberio

Da poche ore negli Usa, la Federal Communications Commission (Fcc), l’authority americana per le telecomunicazioni ha votato la misura sulla cosiddetta “Net Neutrality” che modificherà le regole cui si devono attenere i provider di internet e che modificherà in maniera profonda l’internet così come l’abbiamo conosciuto finora.

Questa misura, essendo nazionale, non avrà ripercussioni sull’Europa ed in particolare sull’Italia. Ma che cos’è e che cosa prevede la neutralità della rete? La definizione esatta varia, ma si riferisce ad una rete che non discrimina in base al contenuto e che sia priva di restrizioni da parte dei provider (i fornitori). Infatti in una rete “non neutrale” questi ultimi potrebbero di proposito bloccare, rallentare o fare pagare differentemente l’accesso ai dati. Inoltre sarebbero i servizi a pagamento a prevalere. Per un abbonamento Netflix, oltre alla normale quota bisognerebbe pagare un supplemento al provider Internet. L’accesso paritario alla rete ha permesso a colossi come Google e Amazon di creare la propria fortuna partendo da zero, dal garage come amano ricordare nella Silicon Valley. E, negli anni, altre compagnie hanno potuto affermarsi sul mercato, come Facebook. Le speranze si riversano ora in un intervento del Congresso, che possa riportare la situazione nella norma, a un Internet senza discriminazioni, anche con l’appoggio di parlamentari e senatori repubblicani.

Nel nostro Paese, invece, è in vigore dal 2015 la Dichiarazione dei Diritti di Internet, 14 articoli che disciplinano il rapporto tra cittadini e accesso alla rete. “Internet è un bene comune da preservare”, ha ricordato su Twitter Laura Boldrini. Il Parlamento europeo si è schierato dunque a favore del mantenimento della net neutrality, respingendo le pressioni degli operatori Internet, che vorrebbero modulare il traffico online a loro favore. Ma adesso che gli Usa hanno fatto marcia indietro, c’è il rischio che gli avversari della NN si rivarranno sull’Europa?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Informatica & web

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017
Facebook Journalism Project

Zuckerberg lancia il “Facebook Journalism Project”

Daniele D'Amico17 gennaio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it