Cronaca nazionale

“Allacciate le cinture”, intervista al pilota Pietro Pallini

Questo articolo è stato visualizzato 9.006 volte. Leggi altri articoli di: Claudio Santovito.

“Allacciate le cinture”, intervista al pilota Pietro Pallini
Claudio Santovito

Esistono i mestieri comuni. Poi quelli più impegnativi. Infine, esistono le missioni. Quella del pilota d’aerei è certamente una missione: audace, pericolosa, emozionante, nella quale non sono ammessi errori. Perché gli errori si pagano con la vita, la propria e quella di altre cento persone al di là della porta del cockpit.
Ma se si possiede talento, quando ciò che si fa ci piace anche, allora si diventa i più bravi. È questo il caso di Pietro Pallini, pilota di voli intercontinentali, già curatore per “Repubblica” della rubrica AltaQuota e direttore della testata giornalistica www.manualedivolo.it. Nel suo libro, “Allacciate le cinture” (Einaudi), Pallini analizza il ruolo del pilota d’aerei civili, le varie fasi del volo e svela anche qualche retroscena sconosciuto ai profani. La narrazione è condotta con grande dovizia di particolari e adottando termini tecnici, ma con una prosa accattivante e scorrevole, fruibile a tutti, costellata di simpatici aneddoti, che svelano ad un tempo la sua semplicità e dall’altro tradiscono il suo essere “toscanaccio”, sempre pronto a sorridere e a sdrammatizzare.
Dimostrando grande disponibilità e gentilezza, ha accettato di scambiare qualche parola con noi.

Partiamo dal suo primo volo in assoluto. Cosa ricorda di quel giorno e con quali compagnie ha volato successivamente?
Il mio primo volo, su un monomotore di produzione italiana (Partenavia P-66), risale al 1977, e se devo essere sincero, non è che mi ricordi molto, a parte l’emozione del distacco da terra di un ammasso metallico che rispondeva ai miei (e dell’istruttore, per dirla tutta) comandi. Ho continuato a volare per una decina di anni su aerei di quel genere facendo un po’ di tutto (aero-taxi, lancio paracadutisti, traino striscioni pubblicitari, istruttore di volo), fino al 1987, anno in cui sono entrato in Alitalia. In seguito, ho avuto anche l’occasione di lavorare per due anni all’Air France. Tra i “miei” aerei, l’Airbus A-320 (primo italiano a pilotarlo in linea), l’MD-80, il trimotore MD-11 e il Boeing B-777.

L’undici settembre ha cambiato per sempre la storia dell’umanità e in particolare quella del mondo dell’aviazione. Al di là delle misure di sicurezza adottate a bordo (porte del cockpit blindate, spioncino, sistema di videosorveglianza), cos’è cambiato per i piloti e gli equipaggi?
A prescindere dall’ovvio disagio di dover passare lunghe ore segregati in uno spazio ristretto, il vero cambiamento è stato rappresentato dal crollo di una convinzione: quella di essere comunque utili all’eventuale dirottatore, questo costituiva per noi una garanzia di incolumità, che lasciava aperta la strada di una negoziazione.

Qual è la situazione degli aeroporti italiani relativamente alla sicurezza antiterrorismo e alla logistica in generale?
Le misure di sicurezza antiterrorismo in essere in Italia sono sostanzialmente in linea con quelle di ogni altro paese aeronauticamente evoluto. Per la logistica, intesa in senso lato, ci sarebbe invece ancora molto da fare per raggiungere il grado di efficienza di altri paesi. Oltretutto, la mancanza di un piano-aeroporti a livello nazionale non consente un’adeguata pianificazione, causando spreco di risorse e ritardo di crescita.

Parliamo dunque del disastro di Linate, il più grande disastro aereo avvenuto in Italia. Errore umano, dispositivi inadeguati (mi riferisco al radar di terra fuori uso e alla vernice scolorita del fatale raccordo R5-R6), oppure un’assurda successione di fatalità?
Tutti gli incidenti aerei (e non solo quello di Linate) derivano da una successione di eventi che il profano può definire “fatalità”, ma che in realtà hanno a loro volta motivazioni e fattori scatenanti che sono oggetto delle indagini tecniche condotte dagli enti di sicurezza ad essi delegati. In particolare, per quello che riguarda Linate, la mancanza del radar di terra ha un ruolo del tutto marginale, nel senso che la sua presenza avrebbe forse potuto evitarlo, ma non ha avuto nessun effetto sulla genesi dell’incidente in sé. In questo senso, la non aderenza alle procedure e la segnaletica deficitaria sono senza dubbio da indicare tra i fattori contributivi più importanti.

E invece la catastrofe del volo AF447, il Rio-Parigi operato dall’Air France?
Anche se il rapporto definitivo non è ancora uscito, pare ormai appurato che i due fattori predominanti siano da ricercare nell’inadeguatezza del sistema di sonde delegato a misurare la velocità dell’aereo e nello scarso addestramento dei piloti a fronteggiare una situazione di volo in condizioni degradate. In questa ottica non ha senso parlare, come molti hanno fatto, di errore dei piloti: sarebbe come accusare un guidatore addestrato su una macchina dotata di cambio automatico di non sapere scalare marcia senza “grattare” su una vecchia 500 FIAT.
Mi preme comunque ricordare che le indagini che seguono un incidente aereo non hanno lo scopo di trovare colpevoli, ma quello di ricercare cause e stabilire misure correttive. La domanda alla quale l’inchiesta tecnica cerca di rispondere non è “di chi è la colpa?”, ma “cosa si deve fare perché non accada più?”.

Il mese scorso, sul Varsavia-Praga, uno dei due piloti è morto durante il volo. L’altro è riuscito a far atterrare l’aereo. A prescindere, secondo lei sarebbe opportuno addestrare l’equipaggio a emergenze del genere, oppure è sufficiente uno dei due piloti in casi come quello?
Un’emergenza di questo tipo è definita “crew incapacitation” e l’addestramento ad affrontarla fa parte del normale iter formativo di un pilota di linea. I moderni liner sono concepiti per essere pilotati in due, ma ci si addestra anche a riportarli a terra da soli. Ovviamente ci sono procedure e check-list specifiche da seguire: in particolare occorrerà, con la collaborazione degli enti di controllo, organizzarsi in modo di avere a disposizione più tempo per configurare correttamente l’aereo per le fasi finali del volo.

La storia di Thomas Salme è alquanto curiosa. Viene assunto da AirOne in qualità di pilota: accumula 11000 ore di volo in tredici anni con varie compagnie, senza mai un ritardo né incidenti. Un bel giorno si accorgono che il brevetto non l’ha mai avuto: lo multano, lo cacciano e lo arrestano. Va bene punire la furbizia, ma quando ci si imbatte in un pilota realmente bravo, non si può chiudere un occhio?
Rispondo con una domanda: quanti si farebbero operare al cuore da un praticone in possesso solo di un diploma di scuola media inferiore, solo perché fino a ieri gli è andata bene e non ha mai fatto un morto? Il vero problema è: come mai un’organizzazione che è delegata quasi esclusivamente a controllare questo genere di cose non si è accorta di niente?

Ultima domanda: quali sono, in Italia e nel mondo, gli aeroporti nei quali è più difficoltoso atterrare?
Il più famoso di tutti era il vecchio aeroporto di Hong Kong, il Kai-Tak, che conoscevo abbastanza bene: si atterrava dopo una virata a bassissima quota, tra mare e colline, rasentando i grattacieli. In Italia possiamo citare (elenco alfabetico e non esaustivo) Firenze, Genova, Napoli, Palermo e Reggio Calabria. In generale, tutti gli aeroporti posti in prossimità di montagne e/o mare richiedono un impegno maggiore, in considerazione soprattutto dell’estrema variabilità meteorologica e della presenza di raffiche di vento. Su molti di questi aeroporti si può atterrare solo se si è seguito un addestramento specifico.

Ringraziamo il comandante Pietro Pallini per la sua disponibilità con il Corriere delle Puglie e gli formuliamo i nostri migliori auguri per tutto.

Visualizza Commenti (1)

1 Commento

  1. Pingback: Crash Asiana 214, prime indagini del NTSB. | Il Corriere delle Puglie – NEWS

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca nazionale
Claudio Santovito
@clasantovito

Scrittore, giornalista. Specializzato in aviazione civile e trasporto aereo, mi occupo anche di cultura, inchiesta, curiosità dal mondo. Ho pubblicato, nel 2011, il mio primo romanzo "Tempo da dimenticare - Giallo nella notte barese" (Sentieri Meridiani Edizioni). Comunicazione, giornalismo digitale e Twitter le frecce nel mio arco. Ho un blog dedicato all'aviazione, "Notizie dal cielo". Rispondo io, a tutti, sempre. www.claudiosantovito.it - Twitter: @ClaSantovito

Altro in Cronaca nazionale

city toys

City toys, in cinque dovranno rispondere per concorso in truffa continuata

Antonio Catacchio1 ottobre 2016

Scuola, al via il primo giorno. Arrivederci estate…..

Daniele D'Amico12 settembre 2016

Omicidio di Corsico: l’assasinio di Iulian Razvan Laszlo

Antonio Catacchio22 giugno 2016
Antitrust

Antitrust e GdF: stop a 174 siti

Pierfrancesco Caira18 marzo 2016

Farmacie Puglia: assegnazioni nuove sedi dal 31 gennaio

Antonio Catacchio29 gennaio 2016

Trivellazioni, sì della Consulta al referendum

Vincenzo Demichele22 gennaio 2016

Primo interpello concorso sedi farmaceutiche

Antonio Catacchio13 dicembre 2015

Concorso Straordinario Farmacie Regione Puglia

Mariangela Lomastro19 ottobre 2015

Chiesa e Sinistra: quasi amici

Ricky Violante16 ottobre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it