Arte, cultura e spettacolo

Giorni da leone

Questo articolo è stato visualizzato 7.552 volte. Leggi altri articoli di: Giuseppe Custodero.

Giorni da leone

Se volete mantenervi in forma facendo esercizio all’aria aperta non c’é niente di meglio che iscrivervi ad un’associazione di escursionisti. A Bari ce ne sono due, la sezione barese del C.A.I. (Club Alpino Italiano, via volpe n.6) e il C.A.T. (Club Amici del Trekking), che ha sede in una delle palazzine dell’Istituto Di Cagno Abbrescia di corso Sicilia. Ci si riunisce il venerdì sera intorno alle 20,30 per organizzare le escursioni domenicali o del week-end e per programmare con precisione quasi certosina ogni dettaglio dalla partenza sino al rientro a Bari salvaguardando l’incolumità dei partecipanti. Il C.A.T. organizza escursioni di trekking costituite da passeggiate di qualche chilometro (e in certi casi per i più allenati anche venti) e diversi gradi di dislivello (si fa qualche salita!). Il C.A.I., come cita il motto “un mondo fatto di montagna e libertà“, annovera vari gruppi, “vespertilio” per la speleologia, “bincinvetta” per escursioni in mountain bike, “escursionistico” per il trekking, “free climbing” per arrampicate in sicurezza, coro “La Ginestra” e di “alpinismo giovanile” per i più piccoli guidati da esperti accompagnatori che sono stati già formati dallo stesso CAI nazionale. Lo stesso ogni anno indice anche corsi per istruttori di alpinismo, accompagnamento ambiente, operatori materiali e tecniche, speleologia (oltre alla parte subacquea e glaciale), scialpinismo, autosoccorso, snow board alpinismo, sci fondo-escursionismo, geologia e carsismo, lavori in quota, rilievi topografici ipogei. I soci ricevono a casa il mensile “Lo Scarpone”. Come si legge sul sito web, l’scrizione al CAI attiva automaticamente le coperture assicurative relative agli infortuni dei soci assicurandoli nell’attività sociale per quegli infortuni che potrebbero verificarsi e che ad oggi non si sono mai verificati per la professionalità degli accompagnatori. L’assicurazione è valida esclusivamente in attività organizzata e viene attivata direttamente con l’iscrizione. Chi volesse provare l’esperienza di una escursione con il CAI o il CAT paga le spese di assicurazione giornaliera (solo dieci euro). Il CAI conserva e cerca di valorizzare itinerari e rifugi alpini e, nell’ambito dell’Unione Internazionale delle Associazioni Alpinistiche, promuove l’accesso libero alla montagna per esercitare l’alpinismo in modo responsabile, con minimo impatto ambientale, salvaguarda aree di montagna e siti di arrampicata e incoraggia lo sviluppo responsabile delle comunità locali. In Puglia del CAI c’é la già citata sezione di Bari, quella di Foggia e quella di Gioia del Colle, oltre a Gruppo regionale Puglia, a Modugno.

In questo breve viaggio nel mondo dell’esursionismo delle parti nostre c’é da tenere a mente la scala delle difficoltà che caratterizza le varie escursioni proposte. Quella facile e alla portata di tutti, è la turistica “T”. Se richiede un certo allenamento per la lunghezza del percorso e i dislivelli da superare è l’escursionistica “E”. Quella più impegnativa nella quale si richiede un buon allenamento e sicurezza nel superare tratti di sentiero esposti è la escursionistica per esperti “EE”. Quella che richiede l’uso di attrezzatura dedicata, come kit da ferrata, ramponi e picozza, è la escursionistica per esperti con attrezzatura “EEA”, e se si aggiungono le ciaspole si parla di escursionismo in ambiente innevato “EAI”.

É un’occasione per conoscere gente accomunata dalla passione per la montagna o per le colline delle parti nostre e per passare una domenica diversa e, per chi abita in città, scappare dai fragori della vita frenetica per assaporare i profumi della natura che si cerca di conservare dall’eccessiva antropizzazione. Se la musica è stata rivalutata come terapia antistress, forse una passeggiata tra amici lo è di più. E allora perché non provare a tornare a respirare a pieni polmoni immersi in ciò che la natura ci offre?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo

Biologo con laurea specialistica a ciclo unico in Scienze Biologiche nel 1991, Specialista in Applicazioni Biotecnologiche e con Dottorato di Ricerca in Scienze del Mare, sempre all'Università di Bari; Giornalista Pubblicista, Medical Doctor (MD) presso Harvard Medical School, Boston MA, Multispecialist. C.T.U. n.14 del Tribunale di Bari alterna i suoi impegni professionali dedicandosi al lavoro nel suo ambulatorio specialistico di Patologia Clinica convenzionato S.S.N. a Fasano (BR), nato come Istituto di Ricerca Biomedica e chiamato "Laboratorio scientifico", ma anche facendo consulti on line ai colleghi in U.S.A., animando la sua pagina fb e il blog dedicato al padre Gianni Custodero e collaborando con alcune testate nazionali oltre che come refery per alcune riviste scientifiche internazionali. Mantiene il suo contatto con la natura coltivando i suoi hobby all'aperto e impegnandosi nella socializzazione e nel rispetto tra i popoli di ogni razza e credo religioso.

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it