Arte, cultura e spettacolo

“La fine è il mio inizio”, l’eredità di Tiziano Terzani

Questo articolo è stato visualizzato 5.897 volte. Leggi altri articoli di: Claudio Santovito.

“La fine è il mio inizio”, l’eredità di Tiziano Terzani
Claudio Santovito

L’immagine che mi viene in mente quasi ogni giorno è quella di un monaco zen che si siede nella sua cella, prende un bel pennello, lo intinge nel mortaio dove ha sparso la china e con grande concentrazione fa un cerchio che si chiude.

Quando sfidi il destino per dovere di cronaca, da una nazione all’altra – Italia, Cina, Giappone – diventi testimone scomodo del mondo, con tutto ciò che quella scelta concerne. Metabolizzi abitudini, usanze, credenze, scopri i segreti, i limiti, le debolezze. Accumuli esperienze.

Tiziano Terzani è arrivato al capolinea della sua esistenza, almeno di quella terrena: terminata la carriera giornalistica, scopre di avere un tumore all’intestino, ma invece di arrendersi, scopre una nuova forza dentro di sé, che lo porta a rivalutare ogni cosa. In quel momento, da una vita trascorsa all’insegna dell’informare gli altri, migra verso una vita tesa a cercare di conoscere sé, il proprio male e – soprattutto – il senso della vita stessa.

Decide di richiamare da New York il figlio Folco, per condividere gli ultimi chilometri dell’esaltante cammino terreno e cercare di capire e far capire che ha avuto un senso. Il figlio, dapprima recalcitrante, accorre, poi, armato di registratore e taccuino, per ascoltare e fissare per sempre tutto ciò che “i’ babbo” ha da comunicargli.

Confinato tra la casa – dove mangia – e una specie di baita dove dorme e che propone un arredamento a metà tra quello di un monaco zen e di un monaco tibetano, dei cui valori si fa portavoce (ascetismo, individualismo, silenzio), Tiziano Anam (senza nome) si trascina nel giardino della sua casa di Orsigna, si siede, racconta, si alza, si sdraia, ride, critica, ansima. Osserva la natura comprendendo di essere una piccola parte di un qualcosa di sconfinato.

Muovendo dalla concezione tibetana della morte, comprende che essa è la vera libertà, conseguenza naturale della vita stessa: la morte viene accettata con ironia, come momento del passaggio verso quel “qualcosa (o qualcuno) che tiene assieme tutta questa roba”, che tiene assieme, cioè, tutto l’universo. Perciò, se si è condotta una vita libera, nella quale si è vissuto secondo l’idea dannunziana di opera d’arte, allora non si deve in alcun modo provare rimpianto, ma anzi bisogna farsi una bella risata, perché il cerchio si sta per chiudere. Non bisogna temere la morte perché è un qualcosa attraverso la quale tutti – prima di noi – sono passati.

Appassionato di uccelli esotici, patito per il Tibet, deluso dal comunismo cinese, miracolosamente scampato a una fucilazione, decide di raccontarsi a Folco. Non un testamento, ma una biografia raccontata, fatta in presenza dell’interessato, alla ricerca di un dialogo con un figlio che, nel corso dell’esistenza, c’è stato solo a tratti. L’obbiettivo di Tiziano è, attraverso un’immersione panica con la natura, trasmettere al figlio l’essenza di ciò che ha imparato. Quello stesso dialogo che ha come finalità la realizzazione di un libro (“Ormai mi incuriosisce di più morire. Mi dispiace solo che non potrò scriverne”), ma anche e soprattutto il ricucimento di un rapporto sfilacciato e la ricerca di una maggiore intimità nel momento estremo.

L’aspro litigio che vede impegnati i due protagonisti, segna l’effettivo momento di distacco: a un padre che lo accusava di mancanza di personalità, Folco replica con la reazione di uomo maturo e autoritario. Il padre capisce perciò che il suo compito è finito, che Folco adesso, dopo queste lunghe chiacchierate, è finalmente diventato grande.

“La vita si conclude… è questo il cerchio che ora io cerco di chiudere.”

Visualizza Commenti (1)

1 Commento

  1. Nicola

    9 dicembre 2011 at 18:54

    Io lo chiamo l’OSHO de noi altri, non per sminuirlo, ma anzi, per sottolineare come si può arrivare allo stesso punto dei grandi mistici indiani, conservando una certa “occidentalità” di pensiero. Grande Terziani!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo
Claudio Santovito
@clasantovito

Scrittore, giornalista. Specializzato in aviazione civile e trasporto aereo, mi occupo anche di cultura, inchiesta, curiosità dal mondo. Ho pubblicato, nel 2011, il mio primo romanzo "Tempo da dimenticare - Giallo nella notte barese" (Sentieri Meridiani Edizioni). Comunicazione, giornalismo digitale e Twitter le frecce nel mio arco. Ho un blog dedicato all'aviazione, "Notizie dal cielo". Rispondo io, a tutti, sempre. www.claudiosantovito.it - Twitter: @ClaSantovito

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it