Politica

Intervista a Domenico De Santis: segretario organizzativo regionale del PD

Intervista a Domenico De Santis: segretario organizzativo regionale del PD
Redazione

di Redazione
Vi proponiamo qui di seguito la video intervista a Domenico De Santis, giovane e grintoso segretario organizzativo regionale del PD, girata poco più di una una settimana fa (10.01.2012). I nostri assidui lettori sapranno già che tutte le volte che provvediamo a intervistare personaggi di rilevanza pubblica, provvediamo a riportare integralmente nell’articolo, oltre che il filmato o l’audio della relativa video o audio intervista, anche il testo scritto di quanto in questa contenuto.
Ebbene, il nostro Daniele di Lella è riuscito a superare se stesso, lo staff dietro la camera ha subito intuito che Daniele stesse progressivamente incarnando una versione maschile dell’Annunziata, trasformando quella che era originariamente un’intervista in un vero e proprio dialogo che da dover durare 15 minuti si è protratto per 30, senza però superarli oltre ed ancora!
Proprio dai “fuori pista” (alcune domande parzialmente o totalmente diverse da quelle che avevamo intenzione di porre all’intervistato) di Daniele, è nato un dialogo intervista in cui i due interlocutori hanno condiviso, seppur con modalità differenti, l’importanza e la necessità di lanciare un messaggio di gran rilevanza.

Testo dell’intervista
A: Intervistatore Daniele Di Lella
B: Domenico De Santis

A: Eccoci qui, nell’ufficio di Domenico De Santis, Segretario organizzativo regionale del Partito Democratico. Innanzitutto buongiorno da parte di tutta la redazione del  corrieredellepuglie.com, Il primo Magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero e indipendente. Posso darti del tu?

B: Certamente.

A: Quindi ti chiamerò Domenico. Domenico sei conoscenza di essere il secondo politico ad essere intervistato dal nostro giornale e che il nostro giornale, libero e indipendente, è assolutamente non schierato in alcun modo politicamente ed è estraneo ad ogni meccanismo partitocratico?

B: I giornali dovrebbero essere liberi, tutti quanti.

A: E’ una cosa che non avviene spesso…

B: E’ uno dei problemi dell’Italia.

A: Tu sei responsabile segretario organizzativo regionale del partito democratico, ma alla fine quali sono le tue principali attività? Di cosa ti occupi?

B: Io mi occupo di coordinare le federazioni provinciali del partito, di mettere in piedi le campagne regionali, del tesseramento, della strutturazione delle sedi territoriali, del collegamento tra il partito e gli eletti, insomma un lavoro che inizia la mattina molto presto e finisce la sera molto tardi.

A: Parliamo della Regione Puglia, in particolare, ci parli di qualche iniziativa rivolta ai giovani disoccupati fatta dalla Regione?

B: Be, c’è il piano regionale del lavoro, 360 milioni di euro che dallo scorso anno stiamo mettendo in campo con l’attivazione di una serie di bandi a favore dell’occupazione giovanile, femminile e poi delle fasce intermedie, quelle dei cinquantenni che poi spesso quando escono dal mondo del lavoro diventano disoccupati per 15 anni, hanno a carico figli, famiglie e mutui da pagare.
Abbiamo fatto un grande lavoro, si sta continuando con l’uscita di una serie di bandi, tra l’altro la risposta del mercato del lavoro è molto buona, nel senso che molte imprese stanno chiedendo, stanno partecipando a questi bandi e quindi moltissime persone stanno ritornando al lavoro.

A: Benissimo, la Regione Puglia da un punto di vista comunicativo e informativo, legato proprio al discorso dei bandi e quant’altro, è efficiente nella comunicazione? Nella pubblicità di questi bandi vari?

B: Beh, penso proprio di si, se pensiamo ad esempio a tutto ciò che ha fatto il sito regionale, questo è assolutamente trasparente, il fatto che la Regione Puglia applica da tre anni la legge sulla trasparenza, anzi da quattro la legge sulla trasparenza proposta da Minervini, rispetto ad altre istituzioni italiane è all’avanguardia da questo punto di vista.

A: Si però ecco, al di là del discorso trasparenza, io mi chiedevo i meccanismi attraverso i quali al di là del sito, la Regione Puglia rende pubblici, pubblicizza appunto i vari bandi e le varie iniziative da questo punto di vista in particolare…

B: Beh! Tutto ciò che viene fatto è attraverso avvisi pubblici

A: Allora ci parli di qualche iniziativa finanziata, da parte della Regione, con i fondi europei tipo “fondo sociale europeo”, FES, eccetera che è rivolta ai giovani?

B: Per esempio le nuove edizioni di bollenti spiriti, di principi attivi, poi ci sono tutta una serie di programmi regionali che si stanno attivando, di patti territoriali che si stanno attivando, per esempio stanno attualmente nascendo aziende molto interessanti.
Se pensiamo che in Puglia, tre anni fa non esisteva un’azienda che costruisce aerei, oggi c’è, costruisce aerei leggeri più veloci al mondo, si trova a Monopoli, occupa ventidue persone, i due manager dell’azienda hanno ventinove anni: Angelo Petrosillo e Luciano Belviso. In Puglia oggi questo è possibile, se c’è una bella idea alla base!

A: Cosa ne pensi dell’Italia dei Valori?

B: E’ un partner del partito democratico, un alleato, e… è strana come domanda secca!

A: Questa non l’ho scritta io

B: Siamo alleati in Regione Puglia, stiamo costruendo le alleanze per le amministrative nei vari Comuni della Puglia e c’è un’ottima collaborazione a partire da quella con il commissario regionale dell’IDV.

A: Torniamo all’occupazione giovanile con il problema annoso della Nazione e quindi della Regione: che risultati, in termini di occupazione giovanile, ha raggiunto la Regione Puglia dal 2007 ad oggi? E che cifre si propone di raggiungere fino al 2013?

B: Noi abbiamo un problema che non riguarda solo la Puglia. E’ un problema di come questo paese non  pensi ai giovani, non ha pensato ai giovani! Ahimè, per mettere a posto i conti pubblici abbiamo dovuto fare diverse riforme delle pensioni, non ultima lo “scalone” appena approvato dal nuovo governo Monti, quindi ancora ulteriori due anni per quelli che hanno già lavorato per 40 anni ci saranno, il che significa che le persone vanno ancora più tardi in pensione, quindi se pensiamo ad esempio al pubblico impiego i giovani entrano nel mercato del lavoro.
Spesso si studia giurisprudenza ma non si fa l’avvocato, si studia ingegneria ma si fa lo spazzino, si studia architettura e si va all’estero, siamo in una situazione in cui i giovani talenti non vengono valorizzati in Italia, mentre quando si va fuori si viene molto valorizzati.
Lo dicevo ieri, abbiamo avuto un’assemblea regionale del PD: noi dobbiamo costruire, da questo punto di vista, un grande messaggio, dobbiamo lanciare un grande messaggio, ai giovani italiani, ai giovani pugliesi, per ridurre la disoccupazione che ormai è al 33% nei giovani, quindi un giovane su tre non lavora, è in cerca di lavoro, dobbiamo lanciare un grande messaggio che è quello di studiare, che è quello di combattere, del fatto che noi dobbiamo premiare il merito, questo vale sia nel pubblico, dove non bisogna più assumere le persone per avviso pubblico bensì indire un concorso, questo, ad esempio, se penso alla Regione Puglia, penso alle agenzie regionali… dobbiamo lanciare un grande messaggio, che l’intermediazione politica di amicizie, di parenti, così come denuncia l’OCSE, che in Italia ancora in questo modo si trova il lavoro, non può essere più l’unica strada per trovare il lavoro ma, chi è bravo deve trovare il lavoro, per fare questo noi dobbiamo puntare moltissimo a costruire un paese meritocratico, dove l’innovazione e le capacità di ognuno vincono rispetto alla raccomandazione.
Ecco, la “raccomandazione” è una di quelle cose che dobbiamo debellare, a partire da noi, il che significa che ognuno di noi deve vigilare, quindi dobbiamo denunciare quando vediamo cose che non vanno, dobbiamo denunciare quando vediamo contraddizioni, perchè se no il nostro paese non sarà mai in grado di poter competere con paesi come la Cina, l’India, gli Stati Uniti l’Inghilterra e continueremo ad arretrare, invece, la grande speranza siamo noi giovani.

A: Perfettamente d’accordo, ma, da un punto di vista di cifre, cosa ha raggiunto la Regione Puglia da questo punto di vista?

*** 08:16″
[five-star-rating]

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Politica

astana-kazakistan

Astana, capitale del Kazakistan, sede d’Ambasciata del Gran Principato di Dobrynia

Francesco Tiberio17 agosto 2018
kosovo

Intervista col vice Ministro Affari Esteri del Kosovo Gjergj Dedaj

Francesco Tiberio31 luglio 2018
Dal Piemonte alla Puglia, tutti vogliono l'autonomia: "Inizia l'epoca del neoregionalismo"?

Puglia autonoma? Il governatore Emiliano annuncia che farà richiesta

Daniele D'Amico25 ottobre 2017

Consulta: il gasdotto Tap si farà, scontro tra Emiliano e De Vincenti

Daniele D'Amico12 ottobre 2017
La Regione Puglia aiuta le aziende agricole

Regione Puglia: cinque milioni per le imprese colpite dalla Xylella

Daniele D'Amico8 agosto 2017
Puglia all’avanguardia in Italia

Regione Puglia all’avanguardia: un centro per l’infanzia nella sede esecutiva

Daniele D'Amico4 agosto 2017
La regione Puglia aiuta le persone che non riescono a pagare l'affitto

Puglia, 15 milioni di euro per il sostegno agli affitti

Daniele D'Amico18 luglio 2017
Presentazione rapporto Amnesty International

Rapporto 2016-2017 di Amnesty International: alle spalle un anno difficile

Daniele D'Amico1 marzo 2017
I Forconi "arrestano" Napoli

I “Forconi 9 dicembre” “arrestano” l’On. Osvaldo Napoli. Il video dell’accaduto

Daniele D'Amico14 dicembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it