Arte, cultura e spettacolo

Oscar: il trionfo di “The Artist”

Oscar: il trionfo di “The Artist”

di Angela M. Lomoro
Si è tenuta al Kodak Theatre di Los Angeles, lo scorso 26 febbraio, l’ottantaquattresima edizione della cerimonia degli Academy Awards, presentata da Billy Crystal, alla sua nona volta come padrone di casa.
Una vittoria annunciata, ma non meno gloriosa, quella di “The Artist”.
Il film muto ha stravinto, come secondo tutti i pronostici dei giorni precedenti, ben cinque statuette, aggiudicandosi innanzitutto il premio di “Miglior Film” del 2011, seguito dal premio per la “Migliore Regia” a Michel Hazanavicius, premio per il “Migliore Attore Protagonista” a Jean Dujardin.
Ma non è tutto. A “The Artist” sono spettati anche i premi per i costumi e per la colonna sonora.

Meryl Streep ha trionfato poi come “miglior attrice protagonista” per il film “The Iron Lady” in cui ha interpretato il ruolo dell’ex Primo Ministro britannico Margaret Thatcher.
Solo in questo caso i pronostici si sono sbagliati. Negli ultimi giorni infatti cresceva l’ipotesi di una statuetta a Viola Davis per “The Help”. Il film, invece, ha guadagnato grazie a Octavia Spencer il premio come “miglior Attrice Non Protagonista”.
“Miglior Attore Non Protagonista” per il suo ruolo in “Beginners”, è Christopher Plummer, il quale ironicamente fa notare di avere gli stessi anni della statuetta vinta! Si tratta infatti dell’attore più anziano a vincere il suddetto premio.
Tutto nostrano è, invece, il premio per la “Migliore Scenografia” guadagnato dagli italiani Francesca Lo Schiavo e Dante Ferretti, per “Hugo Cabret” di Martin Scorsese.
Il film ha vinto inoltre, diversi riconoscimenti tecnici, quali la migliore fotografia, gli effetti speciali, il sonoro e il montaggio sonoro.

La “Migliore Sceneggiatura Originale” è toccata al delicatissimo “Midnight in Paris” di Woody Allen e il premio per il “Miglior Film Straniero” è andato per la prima volta ad un film iraniano. Si tratta della pellicola “Una separazione” di Asghar Farhadi.
La cerimonia si è svolta come da programma.
Tuttavia alcuni momenti davvero emozionanti hanno interroto il classico rituale delle statuette. Tra questi, sicuramente il ricordo alle stelle scomparse da poco: Liz Taylor e Withney Houston e poi l’omaggio anche a Steve Jobs, per il suo enorme contributo al cinema, attraverso la “Pixar”.
[five-star-rating]

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it