Mercati & finanza

Facebook fa il suo ingresso a Wall Street

Questo articolo è stato visualizzato 1.562 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Facebook fa il suo ingresso a Wall Street
Pierfrancesco Caira

Secondo diverse indiscrezioni il social network più popolare al mondo si prepara a fare il suo ingresso in Borsa il prossimo maggio: infatti da questa settimana sono stati sospesi gli scambi dei suoi titoli sui mercati secondari, mentre la sua quotazione è schizzata alle stelle (stando alle stime dell’agenzia Bloomberg) grazie alla vendita all’asta – curata da SharesPost – di 150 mila titoli per un importo di poco superiore ai 44 dollari l’uno: la creatura di Zuckerberg adesso ha un valore che si aggira intorno ai 103 miliardi di dollari, contro i circa 94 di febbraio. In attesa dell’OPA (Offerta Pubblica d’Acquisto) il social network dovrà prima risolvere le questioni legali ancora in sospeso, sia quella con Yahoo! sia la causa intentata dal presunto azionista di maggioranza, Paul Ceglia, per evitare spiacevoli sorprese; intanto Zuckerberg è in Giappone per incontrare il premier Noda, un rendez-vous, secondo il Wall Street Journal, che certifica l’enorme successo riscontrato durante l’ultimo anno nel Paese del Sol Levante, dove gli utenti di Facebook sono cresciuti di numero da due a dodici milioni.

Comunque, secondo gli esperti, l’aspetto che più dovrebbe preoccupare i vertici dell’azienda di Menlo Park è la posizione monopolistica che si è finora ritagliata all’interno del mercato. L’antitust ha infatti già dimostrato di non tollerare il mancato rispetto di determinate regole, in primis l’assenza di veri concorrenti; si consideri ad esempio il servizio che permette agli utenti di condividere i propri album fotografici su FB, rendendo quest’ultimo il più grosso contenitore di foto digitali al mondo, nonostante le sue caratteristiche tecniche risultino inferiori a quelle di altre realtà come Photobucket o Flickr: abbiamo un’azienda che usa il proprio potere in un campo per prevalere in un altro, la qual cosa, in un contesto diretto dall’antitrust, solleverebbe quantomeno dei dubbi. Vi è anche da aggiungere che, sebbene FB sostenga di voler creare un mondo senza confini in cui condividere di tutto, pare in realtà navigare in direzione diametralmente opposta, con app concepite per far restare gli utenti all’interno del social network, anzichè indirizzarli su altri siti. Inoltre Facebook al momento non è accessibile per via della censura in diverse nazioni (Cina, Iran, Corea del Nord ecc.) che ne limitano lo sviluppo in favore di piccole realtà locali e lo stesso discorso vale per le restrizioni applicate ai singoli servizi.

Visualizza Commenti (1)

1 Commento

  1. Pingback: Facebook acquista Instagram per un miliardo di dollari | Il Corriere delle Puglie – NEWS

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Mercati & finanza

La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017
stress test

Stress test, disponibili i risultati

Mariangela Lomastro4 agosto 2016

Google, Amazon e Facebook sul podio dei Brand più influenti

Daniele D'Amico27 giugno 2016

Influencer, gli opinionisti dell’era digitale

Antonio Catacchio11 febbraio 2016

Carne lavorata o TTIP: cosa temere di più?

Ricky Violante27 novembre 2015
decretosalvabanche

Approvato il decreto Salva Banche

Francesco Tiberio22 novembre 2015
Uber

Wall Street apre le porte a Uber?

Daniele D'Amico3 settembre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it