Arte, cultura e spettacolo

Al caffè con Socrate. Filosofia o poesia?

Al caffè con Socrate. Filosofia o poesia?
Redazione

di Redazione
Quello tra filosofia e poesia è sempre stato un rapporto davvero molto strano. Spesso i filosofi hanno considerato i poeti o con diffidenza e disprezzo, oppure con ammirazione e rispetto quasi sacrali, e comunque mai con indifferenza: invasati, incantatori, pericolosi corruttori di giovani, come per un certo Platone, o inarrivabili e misteriosi profeti, intermediari destinati di una parola che travalica l’ambito stesso dell’umano e del divino, come per Heidegger, i poeti non hanno mai smesso di affascinare e di inquietare la riflessione filosofica. Mossa dall’amore per la conoscenza e per la verità, la filosofia si è trovata a fare i conti con un’arte, quella poetica, che si prefiggeva finalità a volte diametralmente opposte a quelle del puro sapere.

Ma sono davvero così lontane tra di loro la filosofia e la poesia? Non le accomuna forse una preziosa “inutilità”? Cosa nascondono le loro strutture di pensiero? E i loro linguaggi? Qual è il senso della creazione artistica e di quella filosofica? Se i poeti mentono troppo, come si lamentava Solone, non sono stati proprio i filosofi a indagare la natura e l’importanza del mentire?

Queste sono solo alcune delle domande a partire dalle quali si discute liberamente al “caffè filosofico” che si terrà a Bari il 4 giugno presso il Nessun dorma, in Via Fiume n° 3, dalle ore 19.30 in poi, dove un infaticabile e acuto tafàno-filosofo, Mario De Pasquale, si ostinerà a tenere svegli i convenuti – come esorta il nome del locale – utilizzando la sua straordinaria capacità di ascoltare e dialogare. A riflettere con lui, e ad interrogarsi interagendo col pubblico, interverranno Antonietta D’Alessandro, docente di Storia della filosofia antica all’Università di Bari e Michele Bracco, docente di Filosofia e Storia al Liceo classico e linguistico “C. Sylos” di Bitonto, curatore con Annalisa Caputo di un testo appena pubblicato intitolato Nietzsche e la poesia (Stilo, Bari 2012), un lavoro scritto assieme ad altre tre giovani studiose di Puglia in cui si sonda con perizia e passione il profondo e complesso rapporto che lega il grande filosofo tedesco con la tematica della poesia, ma anche con quella della musica e dell’arte in generale.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it