Arte, cultura e spettacolo

Marilyn: il film.

Questo articolo è stato visualizzato 2.240 volte. Leggi altri articoli di: angelal.

Marilyn: il film.

Poniamo il caso che ci sia un regista che vuole girare un film sulla vita di una star. Fin qui nulla di esageratamente innovativo. Nulla che non si sia già visto, intendo.
Tuttavia se questo regista, che poniamo il caso sia Simon Curtis, voglia far interpretare a una giovane bionda il ruolo della diva per antonomasia, simbolo eterno di femminilità, le cose cambiano.
Chissà cosa avrà pensato la giovane Michelle Williams quando si è vista proporre, all’età di trentadue anni, l’interpretazione di Marilyn Monroe. Poche interpretazioni, infatti, possono eguagliare la difficoltà di questo ruolo.

Tuttavia, la Williams ha accettato e non ha temuto tutto quello che sarebbe seguito. Inutile soffermarsi su quanto sia riuscita – o meno – ad avvicinarsi all’arduo compito di essere Marilyn (nn solo esteticamente). Ciò che conta è che – forse aiutata dal cast, dalla regia e dal racconto di un preciso momento della vita della diva – Michelle Williams ha meritato un Golden Globe e la candidatura agli Oscar. E non solo. La Williams ha usato tutte le sue carte, ha dato “corpo e anima”, cercando di restituire, insieme, la seduzione dell’icona e la fragilità della donna.

La scena iniziale si apre indugiando sulla gamba nuda di Michelle/Marilyn e lo spettatore è subito stregato dal fascino senza tempo della femme fatale.
Il film riporta un preciso periodo della vita di Marilyn, quando nel 1956, insieme al terzo marito Arthur Miller, la diva giunge in Inghilterra, dove è impegnata a girare un film con Laurence Olivier (Kenneth Branagh), affermato regista e attore teatrale.
Qui Marilyn appare divisa tra la sua estrema insicurezza, che la porta a trovare conforto negli psicofarmaci, e il desiderio di poter essere valutata nel bene o nel male, come attrice. Di poter, cioè, calcare un palcoscenico e dominarlo con una forza espressiva che vada oltre le sue forme perfette, le sue labbra carnose e il suo sguardo seducente.
L’anima fragile della diva viene colta e assecondata da un giovane ragazzo, il terzo assistente alla regia, Colin Clarke (Eddie Redmayne) al quale Marilyn affida quel lato sconosciuto e delicato della sua personalità.
Quasi cinquant’anni dopo, Clarke racconta quella magica settimana con Marilyn in un romanzo “My Week With Marilyn” oggi diventato film, grazie al quale è possibile conoscere un lato forse poco esplorato della vita di Marilyn Monroe: una donna meravigliosamente bella che della sua stessa bellezza ha spesso subìto il tormento.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it