Cronaca

Fiera del levante 2012, Bari 8/16 settembre.

Fiera del levante 2012, Bari 8/16 settembre.
Antonio Catacchio

di Antonio Catacchio
Eccoci come ogni anno puntualmente arrivati alla “campionaria di settembre”. Anche quest’anno zucchero filato e galleria delle nazioni e quello che solo noi baresi, tutti, periferia compresa, conosciamo bene. Ricordo da bambino quando con gli amici andavamo a caccia di “biglietti operatore” per dedicare una intera giornata alla manifestazione.
E a chi il termine “offerta fiera” non rievoca l’acquisto dell’ultimo giorno poco prima della chiusura dei cancelli che rinviavano l’appuntamento all’anno successivo? E ognuno, alla sera, nel ritorno a casa, era rincuorato dalla sempre più rinfrescante temperatura settembrina che offriva tregua al caldo soffocante d’agosto e preannunciava l’arrivo dell’autunno.
Certo, è pur vero che nell’ultimo decennio in molti hanno espresso commenti negativi additando la “trade fair” tra l’oriente e l’occidente come una fiera in declino, con sempre meno uomini d’affari e “mercanti” interessati all’evento; del resto c’è da dire che con la globalizzazione i drappi e le sete, anche se si commercializzano ancora, dopo esser passati da porti di mare a bordo di grossi galeoni vengono indirizzati in luoghi diversi da fiere nundinali. Ma se pur vero fosse che nel tempo la fiera “perda colpi”, questo con molta probabilità non è di certo da attribuire alla globalizzazione, ma ad un evento che ha bisogno di stare al passo coi tempi e che non può più permettersi di incentrare tutto su una polverizzazione delle singole attività che si svolgono al suo interno per quei dieci giorni l’anno.

The HUB Bari è un vero e proprio esempio di controtendenza al sentenziato declino di affluenza di gente, di idee, di cooperazioni e collaborazioni. Uno spazio a disposizione di “start upper” e  di imprese creative aperto 365 giorni l’anno. All’interno del padiglione 129 della 76a edizione della fiera del levante, troverete molto più di un semplice “Salone delle imprese creative“. Troverete giovani “portatori sani” di idee in grado di stare al passo coi tempi che cambiano, gente in grado di navigare, non di certo nello stesso impervio mare che attraversarono i 62 marinai, ma in un “Mare Magnum” diverso, un mare che tutti più o meno oggi attraversiamo quotidianamente come internauti, con lo stesso coraggio, la stessa intraprendenza e la stessa forza di chi non sapeva se sarebbe mai tornato, se avrebbe mai raggiunto la reliquia da riportare a casa.
Oggi i ragazzi di THE HUB, di radioluogocomune, di QIRIS, di gurugraph, di APL, di Jobelite, Nevergiveapp, sono innovatori nel pieno rispetto della tradizione millenaria che contraddistingue la città del Santo più venerato al mondo e solo per questo meritano di essere sostenuti, supportati e riconosciuti dall’intera collettività cittadina.

La Fiera del levante, quindi, pur essendo alla sua 76a edizione, compie 83 anni; di storie di uomini, di commerci, di idee e di civiltà ne ha viste tante, ed anche se ne è passato di tempo da quando Vittorio Emanuele III ne inaugurava la prima edizione, è proprio grazie alla solenne tradizione di apertura ad opera del capo di governo che ha un eco nazionale; nell’ordine cronologico dal ministro Di Crollalanza al Duca d’Aosta, dal Duca di Genova a Benito Mussolini, da Aldo Moro a Mariano Rumor, da Giovanni Spadolini a Bettino Craxi, da Giulio Andreotti a Carlo Azeglio Ciampi, da Romano Prodi a Massimo D’Alema, da Silvio Berlusconi al Professor Mario Monti, che ruppe la repubblicana tradizione parlando ai microfoni dal palco del Teatro Petruzzelli anzichè dall’apposita sala per le conferenze del quartiere fieristico; le prime pagine dei più datati e dei più recenti e rinomati quotidiani baresi in terra di Sud riportano, ed hanno riportato in bianco e nero e poi successivamente a colori, la storia dei nostri padri che ascoltavano attentamente i discorsi inaugurali che quasi sempre vedevano, coprotagoniste con gli stessi, in realtà di poco differenti di anno in anno, le seconde pagine con titoli del tipo: ‘Sud, problema europeo’, ‘Così rilanceremo il Mezzogiorno’, ‘Risanare il Paese con realismo, partendo dal Sud’, ‘Tagliamo le radici alla mafia, ma non è un problema solo del Sud’, ‘Non si può lasciare a metà il riscatto del Sud’, oppure ‘Partiamo dal Sud, le grandi imprese facciano la loro parte’. Tra queste pagine di giornalismo, ormai diventate storia come lei, non ci resta che augurarle ancora almeno altri 83 anni, sperando ancora una volta, proprio per non tradire la tradizione storica di chi riportava le cronache, che l’innovazione tecnologica e le nuove generazioni sappiano condurla ancora una volta a navigare nei mari del futuro tra mercati sempre più in cambiamento.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca
Antonio Catacchio
@tonykataklios

Nato a Bari nel freddo gennaio del 1979, non ha intrapreso esclusivamente l'Università della vita, come molti oggi vanno orgogliosamente sostenendo. Oltre a quella infatti si è anche laureato in giurisprudenza presso l'Università degli studi di Bari nel 2009 con una tesi in diritto penale dal titolo "La frode informatica". Dopo aver sostenuto gli scritti per l'esame di avvocato nel dicembre 2011, si inerpica come un dedalo, nella realizzazione di un magazine online iniziando a studiare SEO, SEM e aprendo account online su social media d'ogni genere per iniziare a carpirne funzionamento ed evoluzioni. Tra un lavoro occasionale ed un altro a tempo determinato, dirige e conduce gli aspetti organizzativi del progetto corrieredellepuglie.com, di cui è il maggiore artefice. Nel 2013 fonda insieme a Claudio Santovito, Roberto Loizzo e Teresa Manuzzi l'Associazione InformAEticaMente.it, editrice del corrieredellepuglie.com.

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it