Cronaca

Chi vuol prendere il posto di Fabiana?

Chi vuol prendere il posto di Fabiana?
Candido Marinelli

di Candido Marinelli
“Ora però lasciatemi andare a letto. Ho sonno. Lasciatemi dormire.”

Le luci dell’alba già schiarivano una notte troppo lunga. L’interrogatorio era iniziato nel pomeriggio di sabato 25 maggio. Di fronte ai carabinieri e al pm della procura di Rossano, Maria Vallefuoco, dopo tante bugie e ricostruzioni fantasiose, Davide, 17 anni, confessa di essere l’assassino di Fabiana Luzzi, la sua fidanzatina di 15 anni.
Uno scenario drammaticamente monotono, un uomo che uccide la sua compagna e cerca di farla franca davanti alla legge disfacendosi del corpo. Qualcuno si suicida. Altri preferiscono chiudere gli occhi, combattere contro gli incubi, confidano nel sistema giudiziario italiano: la storia insegna che con un po’ di fortuna e l’avvocato giusto, saranno fuori in pochi anni.
La divulgazione, sia a mezzo stampa che televisiva, vi ha già messo a conoscenza di particolari scabrosi e macabri sulla vicenda, mascherati da libertà di stampa. La spettacolarizzazione della cronaca è un fatto di audience e voyeurismo. Milioni di occhi spalancati a seguire l’informazione come se fosse una fiction.


Scusaci Fabiana, siamo tutti colpevoli.
Quest’ultima frase ti ha fatto storcere il naso? Ti sei sentito/a accusato/a ingiustamente? Davvero credi che basti partecipare a qualche fiaccolata in “onore” di una delle tante vittime, comprare un libro i cui proventi andranno a qualche associazione specifica, creare un gruppo sui social network per condannare il mostro di turno, per essere senza colpe?
Spesso sento parlare di femminicidio con leggerezza, si usano parole come “delitto passionale” o “raptus di gelosia”. Da qualche salotto patinato televisivo, ho sentito anche appelli a parlarne meno per non cadere nel rischio emulativo. Come se fosse una moda…
Shhh! Domani forse torneranno di moda le giacche con le spalline, oggi si uccidono le donne.
Spalanchiamo gli occhi. Il problema è culturale. Prima di chiedere l’intervento di chissà quale autorità, tu cosa stai facendo?
Occhi aperti. La figura della donna nelle pubblicità e in televisione è corpo esibito come decorazione, privo d’identità o personalità. Un figura sensuale, avvenente ma inoffensiva. Una presenza che diventa oggetto. Oggetto che appartiene a qualcuno. Si ribella? Verrà punita.
Pensiero che infetta, che ha impregnato una generazione senza degni educatori e continua a far compagnia ai bambini di oggi. Basta prendere il telecomando.

Tra qualche giorno ci dimenticheremo di Fabiana. Dimenticheremo le sue foto, la sua giovane storia fatta di sogni infranti , le interviste ai suoi cari che esigono giustizia. Chi prenderà il suo posto in prima pagina? Vuoi essere tu? O magari tua figlia che non hai protetto, a cui non hai insegnato che uno schiaffo non è mai un gesto d’amore. La sorella che non hai accompagnato a denunciare, anche contro la sua volontà. L’amica che nega l’evidenza, che inventa scuse per difendere il suo carnefice. Anche il volto del prossimo mostro ti è noto. Se ti fermi un po’ a pensarci, assomiglia così tanto a tuo figlio, ha gli stessi occhi del tuo amico, lo stesso naso, sai benissimo il suo nome, ci giochi tutte le settimane a calcetto. O forse sei proprio tu che stai leggendo quest’articolo e senti la rabbia che sale. I mostri solo nelle fiabe vengono da posti oscuri e sconosciuti. Apriamo gli occhi , troppo tempo abbiamo taciuto.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it