Economia e Diritto

Lavoro: i risultati degli incentivi per giovani e donne

Lavoro: i risultati degli incentivi per giovani e donne
Mariangela Lomastro

di Mariangela Lomastro
Per contrastare la preoccupante disoccupazione giovanile, il ministro del Lavoro Fornero, ha creato un fondo straordinario per gli incentivi sul lavoro giovanile ed il ministero, attraverso una nota, ha reso pubblici i dati relativi agli incentivi erogati per la conversione dei contratti a tempo indeterminato per i giovani e le donne sotto i 29 anni.

Le misure contro la precarietà e la disoccupazione sono state attuate attraverso l’erogazione gli incentivi del fondo straordinario (232 milioni di euro stabiliti con la legge 92/2012) per la stabilizzazione di donne e giovani.
Nel concreto, 24.581 contratti sono stati trasformati a tempo indeterminato, attraverso la creazione del fondo destinato a favorire la stabilizzazione del lavoro, per tutti i giovani e le donne assunti a tempo determinato o con contratti di collaborazione continuata.
Il fondo permette di contrastare, almeno in piccola parte, la grave disoccupazione e precarietà del lavoro giovanile, con lo scopo di stabilizzare giovani e donne sul mercato del lavoro, attraverso la trasformazione del 50% dei contratti a tempo indeterminato full time, e per il 40% a tempo indeterminato part time. Purtroppo gli incentivi per la stipula di nuovi contratti a tempo determinato sono stati “limitati”.

Una nota ministeriale non ha reso noto i dati del divario tra le due categorie a cui il fondo è destinato, ossia quante donne e giovani sotto i 29 anni hanno goduto degli incentivi, ma l’Inps avrebbe erogato gli incentivi dopo 6 mesi dalla conversione dei contratti o dall’assunzione dei lavoratori nel periodo tra il 17 ottobre 2012 (data di pubblicazione del decreto) e il 31 marzo 2013.
In sostanza, con il provvedimento si è agevolata sia una quota rilevante di trasformazioni aggiuntive sia una quota – ancor più consistente, pari a circa due terzi del totale – di trasformazioni/stabilizzazioni che sarebbero avvenute comunque.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Economia e Diritto

Il mercato del lavoro in Italia

Gli italiani e il lavoro: sono troppe le anomalie?

Daniele D'Amico30 ottobre 2017
Non solo crescita per il Sud Italia

Rapporto Svimez 2017: luci e ombre sul Sud Italia

Daniele D'Amico28 luglio 2017
Resto al Sud: il lavoro è nel meridione

“Resto al Sud”: la misura del Governo per la crescita del Mezzogiorno

Daniele D'Amico1 luglio 2017
egione Puglia nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Regione Puglia: nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Daniele D'Amico23 giugno 2017
La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Il presente è l'industria 4.0

Piano nazionale industria 4.0: opportunità per le imprese italiane

Daniele D'Amico21 febbraio 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it