Arte, cultura e spettacolo

Marissa Mayer guida Yahoo! verso la rinascita

Marissa Mayer guida Yahoo! verso la rinascita
Federica Bartoli

di Federica Bartoli
Nonostante la sua funzione più nota sia quella di motore di ricerca, la società multinazionale Yahoo! offre una serie cospicua di servizi indirizzati all’ambito della comunicazione e rappresenta uno dei siti più diffusi e consultati, contando centinaia di milioni di visitatori ogni mese.
La sua creazione risale al 1994, quando due studenti della Standford University, David Filo e Jerry Yang, idearono una sorta di guida multimediale (“La guida di David e Jerry” appunto) che ben presto iniziò a godere di larga fama dunque ad assurgere a punto di riferimento nell’ambiente universitario per la navigazione del World Wide Web.
Supportati economicamente dalla Sequoia Capital, Filo e Yang fondarono ufficialmente Yahoo! nel 1995, ampliando costantemente la società che, nel corso degli anni, ha rappresentato uno degli elementi più significativi in campo informatico.


Nel febbraio 2008, il consiglio di amministrazione guidato da Yang declinò l’offerta di acquisto miliardaria avanzata da Microsoft, scatenando un generale malcontento in seno alla società che portò alle dimissioni del cofondatore nel novembre dello stesso anno.
Dal 2009 al 2012 le alte sfere della compagnia con quartier generale a Sunnyvale in California hanno subìto stravolgimenti eccessivamente repentini con conseguenti ripercussioni negative a livello economico: la delicata carica di CEO (amministratore delegato) ha continuato a rimbalzare a ritmo quasi frenetico di mano in mano, alternando al comando di Yahoo! ben quattro differenti aspiranti salvatori, tra cui Carol Bartz, simpaticamente congedata nel 2011 (pare) tramite mail, Tim Morse, Scott Thompson, allontanato in seguito allo scandalo legato al suo curriculum vitae, vistosamente rimaneggiato nella sezione concernente la carriera accademica (una laurea in informatica mai conseguita) e Ross Levinsohon.
Risale dunque al 16 luglio 2012 l’elezione a CEO dell’informatica Marissa Mayer, ex ingegnere, progettista ed infine dirigente di Google, impegnata col colosso di internet per ben tredici anni durante i quali ha servito l’azienda anche come portavoce ufficiale.
Laureata con lode in sistemi simbolici presso la Standford University, particolarmente attenta allo sviluppo del dibattito in merito all’intelligenza artificiale, la trentasettenne amministratrice dal volto angelico ha ricevuto una laurea Honoris causa dall’Illinois Institute of Technology nel 2009, ha lavorato presso il laboratorio di ricerca della UBS a Zurigo e per la SRI International, fino ad approdare a Google nel 1999. Le elevate competenze e la straordinaria professionalità hanno aiutato a rendere assai rilevante il contributo della Mayer in numerosissimi dei progetti elaborati dalla Google Inc., tra cui Gmail, Google Maps, Google Earth, Google Images, Google News e molti altri ancora.

Annoverata tra le 50 donne più potenti del mondo, Marissa Mayer è stata caldamente accolta dai dirigenti di Yahoo!, così come senza polemica alcuna è stato accolto l’annuncio della gravidanza della donna, il quale ebbe luogo in concomitanza con l’assunzione.
L’avvenente amministratrice delegata si è subito messa al lavoro dedicandosi in primis ad una capillare revisione del piano d’azione dell’azienda, cercando di operare le dovute ristrutturazioni anche (o forse soprattutto) nell’ambito delle acquisizioni.
La cessione delle quote del gruppo Alibaba è stata subito seguita dall’acquisto di numerose start up tra cui Astrid e GoPollGo, senza contare una più che positiva ripresa di Flickr in evidente declino.
Ma è sicuramente l’acquisizione di Tumblr per l’esorbitante cifra di 1,1 miliardi di dollari a rappresentare la prima decisiva sfida intrapresa dalla Mayer: l’accordo è stato raggiunto il 20 maggio scorso, Yahoo! gestirà fatturato e utenza del fortunato social network, la cui struttura non verrà alterata, così come immutata resterà la carica di CEO ricoperta da David Karp, il ventiseienne fondatore del sito.
L’idea è quella di conquistare la vasta fetta di giovani users che Tumblr è riuscito ad attirare a sé, ma che sembra non gradire la novità: è diffusa opinione tra i frequentatori under 18 del web che Yahoo! sia un sito “per vecchi”, senza contare la fascia di (ancora più) giovanissimi che pare ignorare del tutto l’esistenza della piattaforma.
Membro di una rilevante quantità di altri consigli di amministrazione (tra cui Walmart, Jawbone, ma anche la New York City Ballet, la San Francisco Ballet ed il MOMA di San Francisco), la Mayer ha concentrato buona parte dei suoi sforzi nella creazione di un ambiente di lavoro il più confortevole ed armonioso possibile: partendo dall’unificazione della sede che è stata ora stabilita presso l’ex edificio del “New York Times” sulla 43esima strada, l’informatica ha assicurato pasti gratis per i dipendenti e la consueta festa di Natale con tanto di Smartphone in regalo per tutti.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it