Costume & Società

Le parole programmano il futuro

Le parole programmano il futuro

di Daniela Marrocco
Il futuro. Una parola così impegnata a spiegarsi negli ultimi tempi, tra lavoro, aspettative, attività, programmi, progetti. Futuro vuol dire tanto. E’ una delle parole cardine delle campagne elettorali, dei programmi politici. Insomma FUTURO è una di quelle parole CHIAVE che accendono i riflettori delle nostre emozioni. La sua etimologia spiega ancora meglio la “magia” e il “mistero” di questa parola. Futuro viene da fuo (latino), che è participio futuro (tempo non esistente nella lingua italiana, ma solo in latino) del verbo essere, cioè di SUM che vuol dire “io sono”.

Letteralmente fuo vuol dire “che sarà“, che è da essere. La sua radice spiega da sè una forza proiettiva, insita nell’evoluzione del presente “io sono”. In qualche modo il seme del nostro futuro è già contenuto nel nostro TEMPO PRESENTE. Ma come specificato non esiste più, nel nostro tempo, la radice primaria di quel participio futuro: “ciò che è da essere”.

Le parole esercitano sempre il loro fascino e la parola futuro è una di quelle. Perchè non è solo una parola. E’ il suo significato, ciò che è nascosto nella sua proiezione a caricare di fascino la sua pronuncia. 

Ed è su questo che voglio portare la vostra attenzione.

Nella nostra natura siamo liberi di agire, pensare, decidere e scegliere, ma certamente non siamo liberi dalle conseguenze (anche positive) della nostre scelte. Fin qui nessun problema. Il punto è che spessissimo quella particolare parola da noi usata, come FUTURO ad esempio, contiene in sè molto di più di quanto siamo disposti a guardare.

Nella parola futuro riusciamo ad accogliere aggettivi e qualità buone e meno buone. Ma soprattutto aspettative, convinzioni e paure.

Mentre siamo liberi, al tempo stesso il futuro che si è svelato giorno dopo giorno ci ha arricchito di esperienze che hanno costruito nella nostra mente e nelle nostre scelte una serie di sentieri e percorsi – talvolta profondamente inconsapevoli – che ci hanno influenzato nel disegno del nostro futuro.

COME RICONOSCERE QUESTI SENTIERI?

I sentieri tracciati dalle esperienze passate rappresentano gli insegnamenti. Quelli positivi sono certamente importanti e vanno preservati. Si manifestano tramite convinzioni positive, quali ad esempio: “sono capace”, “sono certo che qualsiasi cosa io scelga sarà la migliore”, “il risultato che otterrò sarà positivo”, “sono meritevole”,  e così via discorrendo.

Le persone che hanno in sè preservato questo tipo di mentalità riescono ad ottenere risultati migliori sotto tutti i punti di vista, perchè spinti da una grande motivazione al vivere l’esperienza, dato che riescono a coglierne i lati positivi, a prescindere dal risultato raggiunto.

Il problema nasce quando i SENTIERI, ovvero le CONVINZIONI tratte dalle esperienze del passato, consegnano alla mente insegnamenti non propriamente positivi, ma fortemente limitanti. Ad esempio: “non mi fiderò più di nessuno”; “non sarò mai più capace”; “qualsiasi cosa faccia sarà inutile”, e così via.

Nella nostra mente ogni CONVINZIONE traccia un autentico percorso comportamentale, che influenzerà le scelte e persino il corpo stesso nell’interazione con il mondo e le persone.

Di conseguenza i risultati che otterremo  mantenendo questo tipo di atteggiamento mentale porteranno alla conferma della “delusione”. A quel punto il solco del sentiero non farà altro che tracciarsi più profondamente delineando sempre più nitidamente il futuro in quella direzione.

E confermarsi ancora e ancora e ancora. Nel bene e nel male, amiamo trovare conferme per avere RAGIONE!!!!

COME E’ POSSIBILE MODIFICARE I SENTIERI/CONVINZIONI ATTRAVERSO LE PAROLE?

Uno dei metodi utilizzati per convertire le convinzioni limitanti in potenzianti è MODIFICARE (e soprattutto allenarsi a farlo) il proprio modo di esprimersi.

Ecco qui qualche esempio di trasformazione:

SONO STANCO MORTO –> PROVO STANCHEZZA (essere e provare sono certamente due verbi differenti che “programmano” in modo diverso la nostra mente e di conseguenza il corpo.)

LA VITA E’ UNA LOTTA –> LA VITA è UNA CONQUISTA

NON VA TANTO MALE –> VA SEMPRE MEGLIO

MI SEMBRA DI NON ANDARE MAI AVANTI –> STO STUDIANDO IL MODO PER FARE UN PASSO AVANTI

NON C’E’ MAI NESSUNO CHE MI SOSTENGA –> HO IMPARATO A CONTARE SU ME STESSO

NON MI FIDO PIU’ DI NESSUNO –> STO IMPARANDO A VALUTARE MEGLIO ME E GLI ALTRI

Potremmo andare avanti all’infinito, ma la regola principale è quella di modificare le parole in modo che i concetti siano attivi e “in movimento”. Con un pò di attenzione al modo in cui formulate le frasi chiave che segnano i vostri pensieri in modo positivo, vi accorgerete che le emozioni che le accompagnano e i vostri atteggiamenti vireranno in una direzione più propositiva. Quando la mente intravede il movimento e la POSSIBILITA’ di APPRENDIMENTO, si apre trovando nuove soluzioni. Soluzioni che vi aiuteranno a costruire un FUTURO migliore, più aderente alla vostra visione di vita. E questo insegnamento è valido sia nella vita personale che professionale.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it