Costume & Società

Thai Ngoc, la vera storia dell’uomo senza sonno.

Thai Ngoc, la vera storia dell’uomo senza sonno.
Candido Marinelli

di Candido Marinelli 
Quando nel 2004 uscì nelle sale cinematografiche il film “L’uomo senza sonno” (anche noto con il titolo internazionale El Maquinista) del visionario regista statunitense Brad Anderson, l’insonnia del vietnamita Thai Ngoc già durava da 31 anni. Christian Bale,  protagonista del film, interpreta il ruolo di Trevor Reznik, un operaio di fabbrica che non riesce ad addormentarsi a causa di uno shock. Il film scorre lento, in bilico tra onirico e reale, evidenziando la sofferenza fisica e psicologica del suo protagonista, fino a svelare le cause del suo malessere.

L’attore, consacrato dal Batman di Christopher Nolan, per esigenze di copione ha dovuto trasformare il suo fisico atletico ed assumere un aspetto cadaverico, perdendo fino a 25 kg, rendendo tangibile la trasformazione di un essere umano stremato dalla mancanza di un anno di riposo… Un anno? Principiante. L’insonnia del contadino  Thai Ngoc dura da ben 41 anni e la sua salute non sembra soffrirne. La sua storia ha attirato l’interesse non solo della stampa, ma anche della comunità scientifica mondiale. Thai Ngoc racconta, sostenuto dai suoi familiari, di aver contratto una strana febbre una notte del 1973.  Aveva 31 anni.

Da allora non solo non è riuscito più a dormire, ma il suo corpo ha smesso di aver bisogno del riposo quotidiano. Le giornate scorrono tranquillamente nella sua fattoria a Quang Nam, in tutti questi anni ha sempre provveduto al sostentamento della sua famiglia con il duro lavoro dei campi. I vicini elogiano la sua laboriosità. Oltre a trasportare il raccolto senza aiuto alcuno, dai suoi campi alla città che dista 4 km, è sempre pronto ad aiutare gli amici in difficoltà. E ad ogni ora della giornata. La salute di Ngoc è costantemente monitorata al policlinico di Dan Nang. Dai molti esami fatti a cadenza frequente, i dottori hanno sempre riscontrato un ottimo stato di salute, fatta eccezione per un piccolo problema al fegato. L’encefalogramma non ha mai segnalato stranezze, se non per le dimensioni più voluminose dell’emisfero destro del suo cervello rispetto a quello sinistro. Thai Ngoc, alla veneranda età di 72 anni, gode di ottima salute fisica e mentale.

Quale potrebbe essere la spiegazione? Gli esperti sono ancora al vaglio delle ipotesi, ma sono propensi alla teoria dei “micro-sonni”. Brevissimi riposi, della durata di pochi minuti, che non permettono al vietnamita di distinguere il sonno, ma che basterebbero a soddisfare le sue esigenze fisiologiche. E la moglie, sempre vicina in questi anni insonni, cosa ne pensa? “Non ho perso la speranza di vederlo dormire. Ma nè i sonniferi nè le grosse bevute riescono a metterlo a letto. Quello che un tempo era il nostro letto.”

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it