Emile Zola per provare a superare conflittualità politiche e favorire confronti ideologici costruttivi."> Naturalismo, bussola e ciambella di salvataggioEmile Zola per provare a superare conflittualità politiche e favorire confronti ideologici costruttivi. - Il Corriere delle Puglie - NEWS
Costume & Società

Naturalismo, bussola e ciambella di salvataggio
Emile Zola per provare a superare conflittualità politiche e favorire confronti ideologici costruttivi.

Naturalismo, bussola e ciambella di salvataggio
Emile Zola per provare a superare conflittualità politiche e favorire confronti ideologici costruttivi.

di Paolo Iusco
Oggi televisione, giornali e radio, producono una quantità enorme di comunicazione, quasi impossibile scrivere e narrare la cronaca in modo distaccato, oserei dire senza tema di smentite che la comunicazione mediatica non è mai imparziale. Siamo la nazione dei campanili, del calcio, dei partiti. A Filippo il Macedone è stata attribuita la proprietà della frase: “Divide et Impera”. In tutti questi lunghi anni siamo talmente andati avanti con questa pratica, una vera e propria cultura della frammentazione, che oggi possiamo fregiarci di avere tanti partiti, tanti sindacati, tante categorie, tante lingue. Tanto di tutto e niente di niente. Niente, non abbiamo assolutamente niente. Niente per cui valga la pena di combattere, siamo poveri, mancano basi ed ideologie, sulle quali provare a sviluppare concetti, processi e progetti per la collettività. Quanti sono davvero intimamente convinti che ciò che dicono e fanno sia giusto? Pochi, salvo confidare a se stessi che parlano il politichese. Noi italiani in un certo senso siamo tutti con le mani in politica, tanto da parlare il politichese anche a tavola, anche con i familiari, una nuova attestazione da elencare nel curriculum. Siamo talmente presuntuosi, che viene spesso usata la seguente locuzione : “gli Italiani sono tutti allenatori di calcio, tutti sanno mettere in campo la squadra vincente”. Applicata al momento storico che stiamo vivendo, mi sembra davvero una battuta infelice, ma molto calzante. Sappiamo fare solo chiacchiere. Tante chiacchiere, tanto politichese.

L’aggettivo, affibbiato al linguaggio usato per fare un  discorso esprime un giudizio negativo, denuncia l’utilizzo di un linguaggio identico a quello usato per esprimersi da molti uomini e commentatori politici, linguaggio contorto e involuto, per lo più sempre incomprensibile ai cittadini comuni. Ascoltiamo molto spesso ore ed ore di discorsi che non dicono nulla,  per questo ci si accontenta anche solo dei proclami, in fondo in un proclamo qualcosa viene detta, poi tra il dire ed il fare si sa c’è in mezzo il mare. Ma almeno qualcosa di comprensibile ci viene servita. Il politichese è il passepartout che apre le porte al pressapochismo. Manca una metrica, manca un metodo di misura, mancano canoni comportamentali, manca l’etica e manca una bussola che possa consegnarci un percorso che consenta di respirare le conquiste solo guardandoci intorno, manca la semplicità, manca l’efficienza, manca la voglia di impegnarsi. Siamo carenti di Naturalismo. Su Wikipedia si legge che “Il Naturalismo è una corrente letteraria che nasce in Francia alla fine dell’Ottocento come applicazione diretta del pensiero positivista e che si propone di descrivere la realtà psicologica e sociale con gli stessi metodi usati nelle scienze naturali. Esso riflette in letteratura l’influenza della generale diffusione del pensiero scientifico, che basa la conoscenza sull’osservazione, sulla sperimentazione e sulla verifica. Lo scrittore deve realizzare la realtà nel modo più oggettivo ed impersonale possibile, lasciando alle cose e ai fatti stessi narrati e descritti il compito di denunciare lo stato della situazione sociale, evidenziare il degrado e le ingiustizie della società. Gli scrittori naturalisti abbandonano la scelta narrativa del narratore onnisciente, che sa tutto dei personaggi e che racconta la storia in terza persona, comune nel romanzo romantico, sostituendola con una voce narrante che assiste ai fenomeni descritti, così come accadono”.

Se gli attuali narratori, scrittori, giornalisti, redattori e direttori delle testate giornalistiche, televisive e radiofoniche, fossero fautori loro per primi del Naturalismo, forse sapremmo giudicare meglio ciò che ci raccontano. Forse sapremmo anche meglio imprimere delle correzioni ai nostri comportamenti, alle azioni quotidiane, forse sapremmo scegliere meglio, se solo fossimo informati sulla storia quotidiana, vera, reale nuda e cruda, se leggessimo racconti epurati da prospettive personalistiche ed inevitabilmente politiche. Siamo la Nazione dell’Arte, della Scienza, della Natura, del Cibo, della Solidarietà. Nel mondo il Made in Italy è sinonimo di qualità. Salvaguardiamolo, pensiamo tutti in  positivo per non dividerci, iniziamo dai valori ed interessi comuni e quindi trasversali, per legarci tutti in modo indissolubile. Non possiamo più permetterci che continui ad imperversare il metodo “Divide et Impera” c’è bisogno di riscoprire le convinzioni di Hippolyte Taine ed Emile Zolà per scoprire ed apprezzare il Naturalismo.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it