Arte, cultura e spettacolo

A Sannicandro di Bari, un tuffo nel passato con Medievalia

A Sannicandro di Bari, un tuffo nel passato con Medievalia

di Enrica D’Acciò
Non chiamatele, per carità, visite guidate. A Sannicandro di Bari, nel castello normanno svevo, si sperimentano nuove forme di didattica, turismo e promozione culturale. Si chiama “Medievalia” ed è un’esperienza di vita castellare, un tuffo nel passato, un salto indietro nel tempo di quasi 1000 anni.

L’iniziativa è a cura dell’associazione culturale Historia, che raccoglie appassionati, studiosi e fans del secolo buio e che ha già organizzato rievocazioni storiche nei siti di maggior interesse storico-artistico della Puglia. A Sannicandro, nelle stanze del castello normanno-svevo, è stata allestita una guarnigione di miliziani, una sala da pranzo con tavola imbandita per la cena del signore, una cucina, con cibi, sapori e profumi d’allora, una stanza da letto per il feudatario. All’esterno, invece, spazio ai giochi e alla cerimonia di investitura. A guidare il pubblico, un team di guide in costume, i “guidattori” che accompagnano studenti e visitatori alla scoperta delle stanze e degli altri spazi del castello.

Foto gallery

Courtesy of Enrica D’Acciò

«“Medievalia” – spiegano gli organizzatori – propone una formula a metà strada fra la didattica frontale, il gioco e l’esperienza diretta. Lo studio della storia, e della storia dell’arte in particolare, è sempre più penalizzata nel curriculum scolastico. Anche per questo, formule come “Medioevalia” permettono ai ragazzi, e non solo, di avvicinarsi in modo più interessante e coinvolgente agli avvenimenti storici, agli usi e ai costumi del passato».

L’allestimento prevede infatti l’analisi attenta dei diversi aspetti della vita quotidiana, lo studio sulle consuetudini di vestiario, di cucina e degli armamenti. Il Medioevo è il periodo storico più studiato e soprattutto più rievocato di tutti. Fioccano, in tutti i castelli federiciani di Puglia, corsi di addestramento e lotta con armi mediovali, banchetti e feste a tema.

«Far rivivere il passato – concludono gli organizzatori di “Medievalia” – significa dare spazio anche alle leggende popolari, alla storia locale, che costituiscono l’identità del popolo».

É possibile visitare “Medievalia” tutti i week end del mese, fino al 9 marzo (escluso primo week end di marzo). La visita è organizzata su turni, dal venerdì alla domenica, alle 9.30 e 11.30. Il sabato pomeriggio è prevista l’apertura anche nel pomeriggio, con turni alle 16.30 e 18.30. L’ingresso costa 5 euro. È consigliabile la prenotazione al numero 329.7385174 oppure via mail all’indirizzo info.medievalia@gmail.com

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it