Cronaca

Il bitontino Moschetta premiato dall’Endocrine Society

Il bitontino Moschetta premiato dall’Endocrine Society

di Teresa Manuzzi
Quest’anno il vincitore del riconoscimento internazionale “Richard E. Weitzman Award“, assegnato ogni anno dalla prestigiosa “Endocrine Society” è un italiano o meglio, un pugliese: Antonio Moschetta. Il professore, associato di Medicina Interna e Nutrizione Clinica presso l’Università degli Studi di Bari, è anche medico internista presso il Policlinico del capoluogo pugliese. Moschetta è originario della città di Bitonto ed è stato insignito, il 23 giugno scorso, a Chicago, di uno dei premi internazionali più importanti nell’ambito dell’endocrinologia durante il congresso internazionale del settore. Il medico e professore pugliese non è nuovo a riconoscimenti internazionali e nel corso della sua vita ha sempre preferito la ricerca, lo studio e l’insegnamento alla carriera e alle cariche.

Durante il mese di marzo di quest’anno, infatti, ha suscitato scalpolre la sua decisione di lasciare la carica di “Direttore scientifico dell’Istituto Oncologico Giovanni Paolo II di Bari” preferendo l’esercizio della professione e la docenza universitaria presso il Dipartimento di Medicina barese. La decisione di prediligere la ricerca e l’insegnamento è stata presa dal docente in seguito ad una sentenza del Consiglio di Stato che decretava l’incompatibilità tra le cariche di “Direttore scientifico” e docente. Il riconoscimento rende onore a tutto il percorso di ricerca svolto da Moschetta durante questi ultimi tre anni, i risultati ottenuti dai suoi studi sono stati largamente apprezzati dalla comunità internazionale nell’ambito dell’entero-endocrinologia.

Moschetta ha infatti scoperto: un nuovo ormone del fegato, chiamato fibroblast growth factor 19 (FGF19), che regola la funzione del fegato nel controllare il metabolismo del glucosio e del colesterolo, e un recettore della cellula intestinale, chiamato LXR, in grado di controllare la formazione delle lipoproteine HDL rilevanti nel trasporto inverso del colesterolo.
Infine, ma non per ultimo, ha affermato e dimostrato che l’insorgenza di tumori di vario tipo (seno, colon, fegato, rene e cervello) è imputabile ad una alimentazione ricca di zuccheri.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it