Costume & Società

La cena con gli amici la prepara il Personal Chef

Il fenomeno del Cuoco a Domicilio giunge anche in Italia con grande successo

Questo articolo è stato visualizzato 1.467 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

La cena con gli amici la prepara il Personal Chef
Antonella Tomaselli

Invitare amici e parenti a pranzo o a cena è sempre un piacere ma talvolta preparare le varie portate per un numero considerevole di commensali può rivelarsi un compito alquanto arduo. Un’alternativa molto in voga è rivolgersi a un Personal Chef: che si tratti di un amatore dell’arte culinaria che ha trasformato la sua passione in lavoro o di un grande professionista, egli arriva a casa vostra provvedendo ad ogni aspetto del vostro banchetto.
Lo chef personale, detto anche Cuoco a Domicilio, è una figura nata negli USA e presente in Canada e in Inghilterra da circa quindici anni.

Ultimamente si sta affermando anche in Italia, Paese del buon cibo. Il fenomeno è in continua crescita grazie alle richieste sempre maggiori di chi adora organizzare cene di un certo livello e vuole godersi la serata coi propri ospiti senza preoccuparsi delle padelle sui fornelli.
Il Personal Chef è a metà strada tra un cuoco stellato e un servizio di catering solo che, a differenza di quest’ultimo, prepara la sua cena, pranzo, colazione di lavoro o evento, direttamente a casa del cliente, preoccupandosi oltre che della spesa anche della mise en place. Il menù viene concordato insieme al padrone di casa che ovviamente potrà assistere alla preparazione dei piatti.
Trovare il cuoco più vicino è semplice e come sempre il mondo del web ci viene incontro proponendo siti ad hoc in cui sono presenti le generalità di diversi Personal Chef qualificati.

Il portale Coqus permette di cercare il proprio cuoco a domicilio grazie a tre semplici passi. Mentre Chefbooking dà la possibilità di scegliere tra ben 234 cuochi, 1003 piatti, 6 paesi e 25 tipi di cucine.
Il fenomeno, in costante aumento, ha persino spinto un gruppo di chef professionisti a dare vita alla FIPPC, acronimo di Federazione Italiana Professional Personal Chef. Ogni chef non deve peccare di professionalità e per questo l’associazione punta anche alla formazione di tale figura attraverso appositi corsi.
In conclusione, le offerte a riguardo non mancano di certo e c’è davvero l’imbarazzo della scelta: dagli chef che propongono sola cucina vegana, o piatti preparati unicamente con prodotti bio o stagionali, fino a coloro che offrono cucina spagnola, messicana o brasiliana.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it