Scienza & Tecnica

Due nuclei al centro della Terra

Una scoperta scientifica dall’università dell’Illinois

Questo articolo è stato visualizzato 1.792 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Due nuclei al centro della Terra
Francesco Tiberio

Similmente al celebre romanzo “Viaggio al centro della Terra” di Jules Verne, un recente viaggio (virtuale) nel cuore del nostro pianeta ha permesso di scoprire che questo nascondesse un secondo nucleo finora a noi ignoto. Il viaggio è stato descritto dalla rivista divulgativa “Nature Geoscienze”.

Questa strabiliante scoperta è stata fatta dal gruppo dell’università dell’Illinois, capitanato dal cinese Xiaodong Song, e si basa sull’analisi delle onde sismiche, le quali hanno permesso ai ricercatori di “vedere” che cosa c’è nel centro della Terra, (un po’ come le onde sonore permettono ai medici di osservare gli organi interni in un’ecografia). Ed è stato così che si è scoperto che questo secondo nucleo è racchiuso all’interno del nucleo principale, certo, è di dimensioni ridotte rispetto al primo, ma al riguardo lo stesso Xiaodong Song ha affermato: “Anche se il nucleo interno è piccolo ha alcune caratteristiche molto interessanti. Può dirci come si è formato il nostro pianeta, e può raccontarcene la storia ed i processi dinamici. Dà forma alla nostra comprensione di quello che sta succedendo in profondità all’interno della Terra“. Ma perché è importante il nucleo per la vita sulla Terra? Sembra impossibile che questo nucleo interno, nascosto a oltre 5.000 km di profondità nell’interno del pianeta, possa avere un qualche effetto sugli esseri che popolano la Terra, ma non è così.

Se la vita ha potuto svilupparsi sulla Terra è stato solo grazie alla presenza del nucleo interno di ferro e nichel che, comportandosi come un gigantesco magnete, l’ha avvolta con il suo campo magnetico. È la magnetosfera, uno scudo protettivo che si estende per decine di migliaia di chilometri deviando le pericolose particelle cariche del vento solare e i raggi cosmici. Se non ci fosse lo strato di ozono verrebbe strappato via e le radiazioni ultraviolette distruggerebbero la vita sulla superficie.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scienza & Tecnica

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
net-neutrality-protest

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

Francesco Tiberio18 dicembre 2017
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it