Cronaca

Ricerca Censis: burocrazia inefficiente blocca crescita economica e imprese. E nel frattempo i poveri aumentano

Ricerca Censis: burocrazia inefficiente blocca crescita economica e imprese. E nel frattempo i poveri aumentano
Vincenzo Demichele

povertadi Vincenzo Demichele
I presupposti per la ripresa economica nel nostro Paese ci sono tutti, così come le imprese pronte ad avvantaggiarsene, ma sono minacciati ancora una volta da un apparato burocratico inefficiente. Sono questi i risultati principali di una delle ultime ricerche condotte dal Censis che ha fatto luce anche sulle condizioni dell’apparato amministrativo nazionale, su cui era già intervenuto Gian Antonio Stella nell’incontro con gli studenti del liceo “E. Amaldi” di Bitetto. Secondo l’istituto di ricerca, oggi il 50,5% degli italiani lamenta malfunzionamenti nella pubblica amministrazione che, secondo l’opinione del 63,5%, nell’ultimo anno non sarebbe cambiata affatto,  per il 21,5% sarebbe addirittura peggiorata mentre solo  per il 15% sarebbe migliorata. Così, per ottenere un’autorizzazione e accelerare le pratiche, 4,2 milioni di italiani sono ricorsi a raccomandazioni, mentre sono quasi in 800.000 coloro che hanno fatto un qualche regalo a funzionari pubblici in cambio di favori.

L’aspetto paradossale è che in realtà il Paese dispone di “una corazzata di oltre un milione di società di capitali attive: le più robuste e ben strutturate in un universo di 5,2 milioni di imprese italiane complessive, quelle in grado di attirare investimenti e contribuire alla ripresa economica”. Nonostante la crisi economica infatti, il Censis ha rilevato un incremento significativo nel numero di imprese aggiuntive: a fine 2014 erano in 32.000, soprattutto nell’ambito della ristorazione, del commercio e dei servizi alle imprese. Da segnalare inoltre l’aumento del numero delle start up innovative che, fra commercio online, servizi mobile e app, oggi superano le 3500 unità.

Quali sono allora le soluzioni per liberare la crescita economica dagli ostacoli di un apparato burocratico inefficiente? Per il 45,3% degli italiani è necessario un inasprimento delle pene nei confronti di corrotti e il licenziamento per i finti malati. Il 22,1% chiede che i dipendenti pubblici siano licenziabili come quelli che lavorano nel privato e il 19,3% vuole che i più meritevoli vengano pagati meglio. Per il Censis, il principale “antidoto alle patologie sociali” è costituito dalla creazione di posti di lavoro, in un periodo in cui invece si sono registrati soprattutto licenziamenti, aumento del precariato e quindi delle disuguaglianze sociali. In questo contesto di difficile congiuntura economica infatti, le persone a rischio povertà o esclusione sociale sono aumentate di 2,2 milioni, passando dai 15  ai 17 milioni circa. Ancora una volta è la politica ad essere chiamata in causa, affinchè  sfrutti al meglio questi timidi segnali di ripresa, senza lasciarli affondare in quel lungo e lento declino economico italiano, che dura ormai da più di venti anni.

Visualizza Commenti (1)

1 Commento

  1. Ricky Edoardo Violante

    28 marzo 2015 at 17:03

    Sarebbe estremamente interessante esaminare a fondo la composizione di quel raccapricciante 15%.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it