Costume & Società

Giornata Mondiale del Libro: in Italia però i lettori sono sempre meno

I dati non sono positivi, forse serve maggiore educazione alla lettura

Questo articolo è stato visualizzato 1.438 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

Giornata Mondiale del Libro: in Italia però i lettori sono sempre meno
Antonella Tomaselli

Più leggi, più sai leggere la realtà” recitava lo slogan della campagna di comunicazione per la promozione della lettura promossa dal governo nel 2012. Il messaggio è chiaro e sempre attuale: attraverso il libro è possibile arricchire il proprio bagaglio di sapere per essere pronti a scoprire il mondo che ci circonda in maniera consapevole e con maggiore spirito critico. Tuttavia sono ancora molti gli italiani che non riescono a cogliere i benefici offerti dalla pratica della lettura. A testimoniarlo è il rapporto Istat del 2014 in merito alla produzione e la lettura di libri in Italia.

Dall’analisi dei dati è emerso che, rispetto al 2013, la percentuale di lettori di libri (non strettamente scolastici o professionali) è scesa dal 43% al 41,4%. Nel Mezzogiorno la lettura continua ad essere molto meno diffusa rispetto al resto del Paese e i numeri della regione Puglia non sono incoraggianti: i pugliesi di 6 anni e più che hanno letto un libro nel tempo libero sono stati appena il 26,8% e i “non lettori” si attestano al 70,8%. I dati portano sicuramente a riflettere sulle possibili cause e sulle eventuali soluzioni da adottate per incentivare, soprattutto i più giovani, a leggere. Tra queste spicca la proposta lanciata lo scorso febbraio dalla Filiera della carta: un bonus lettura per i ragazzi tra 18 e 25 anni. Si tratta di un vero e proprio buono spesa per l’acquisto di libri, giornali o abbonamenti a riviste o quotidiani, che permetterebbe di pagare solo il 25% del prezzo.

Quindi la causa delle basse percentuali di lettori in Italia è da attribuire alla crisi economica e all’impossibilità degli italiani di poter acquistare un numero elevato di libri? Probabilmente non solo. Analizzando il problema in maniera più approfondita si può evincere quanto i nuovi mezzi di comunicazione abbiano favorito una forma di lettura più veloce e per immagini che sicuramente allontana dalla lettura tradizionale. Oggigiorno i ragazzi non solo non sanno leggere, ma non sono neanche in grado di ascoltare, scrivere e parlare in corretto italiano. I nuovi media, ad esempio internet, ci hanno abituati a una lettura frammentata, rapida e spesso superficiale, la quale consente di svolgere contemporaneamente altre mansioni, come mandare email, sms o fare telefonate.

La distrazione è sempre dietro l’angolo e di conseguenza raramente si porta a termine la lettura di un testo, preferendo ad esso la visualizzazione di immagini o di video.  Leggere un libro, invece, è un’attività che richiede tempo, silenzio, concentrazione, continuità e al giorno d’oggi tutto questo sembra quasi un’utopia.
Per questa ragione dal 1996, ogni anno, il 23 aprile è organizzata la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore. Con la suddetta manifestazione la Conferenza generale dell’UNESCO rende tributo mondiale a libri e autori, incoraggiando tutti, ed in particolare i giovani, a scoprire il piacere della lettura, senza dimenticare tutti coloro che lavorano nel settore editoriale e contribuiscono al progresso socio-culturale dell’umanità. Inoltre nella stessa data, parte l’iniziativa Il Maggio dei Libri, una raccolta di eventi che mirano a diffondere la passione per la lettura su tutto il territorio nazionale.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it