Cronaca estera

Terremoto Nepal: cresce il numero delle vittime, dispersi 4 speleologi italiani

I morti sono finora 2.500, il doppio i dispersi fra cui 4 italiani membri del Soccorso Alpino. Continuano le scosse, numerose valanghe sulla catena dell'Himalaya.

Questo articolo è stato visualizzato 1.168 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Terremoto Nepal: cresce il numero delle vittime, dispersi 4 speleologi italiani
Pierfrancesco Caira

Continua a salire il conto delle morti causate dal sisma di magnitudo 7,8 che ha colpito ieri il Nepal alle 11:56 (ora locale) e che è stato avvertito anche in Tibet, Bangladesh e India, le stime attuali indicano oltre 2.500 decessi e 5.000 feriti. La terra continua a tremare, forti scosse di assestamento in mattinata fra l’Everest e Kathmandu hanno provocato diverse valanghe sui monti dell’Himalaya seminando il panico nella capitale, dove le equipe mediche sono costrette a sistemare i pazienti nelle strade poichè risulterebbe troppo rischioso operarli all’interno di un qualunque edificio. Si sono registrate 45 scosse nell’arco di 24 ore, dichiarato lo stato di emergenza da parte del Governo, numerosi siti di importanza storica e archeologica sono ridotti ad un cumulo di macerie, incluse la torre Dharahara e piazza Durbar, ambedue dichiarate patrimonio mondiale dall’Unesco. Purtroppo gli ingenti danni alle infrastrutture rendono infinitamente più difficoltose le operazioni di recupero.

Avverse anche le condizioni meteo, per i sopravvissuti, che sono costretti a dormire all’aperto, si prevedono infatti pesanti precipitazioni nelle prossime ore. Il Ministero degli Esteri riferisce di avere stabilito contatti con 300 connazionali che risultano incolumi, le verifiche restano difficoltose sia per i danni subiti dalle linee di comunicazione sia per via del fatto che quasi tutti gli italiani presenti in Nepal non si erano registrati sul sito della Farnesina. Da ieri sera non si hanno più notizie di quattro speleologi italiani (Giuseppe Antonini, Gigliola Mancinelli, Oskar Piazza e Giovanni Pizzoni), appartenenti al Soccorso Alpino, che erano impegnati in una spedizione nel villaggio di Langtang, colpito da una gigantesca valanga; restano ancora bloccati ad alta quota altri tre alpinisti: Marco Zaffaroni e Roberto Boscato sull’Everest, Marco Confortola sulle pareti del monte Dhaulagiri. Tutti e tre sono in comunicazione con i rispettivi familiari e stanno bene.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca estera

Chobani

USA: imprenditore regala azioni milionarie ai dipendenti

Pierfrancesco Caira27 aprile 2016

Caso Regeni, quando i soldi sono più importanti della vita di un connazionale

Vincenzo Demichele5 aprile 2016
Hilde Kate Lysiak

USA: reporter di 9 anni batte sul tempo i media

Pierfrancesco Caira5 aprile 2016

Attentati di Bruxelles, il terrorismo molecolare che devasta l’Europa

Vincenzo Demichele25 marzo 2016
Raqia Hassan

ISIS contro la libertà di stampa: uccisa la giornalista Raqia Hassan

Daniele D'Amico9 gennaio 2016

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Albini in Africa: tra superstizione e violenza all’indomani delle elezioni politiche

Federica Bartoli22 settembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
amazon

New York Times contro Amazon: condizioni lavorative insostenibili

Francesco Tiberio20 agosto 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it