Scienza & Tecnica

Approvato il primo farmaco prodotto da una stampante 3D

Questo articolo è stato visualizzato 826 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Approvato il primo farmaco prodotto da una stampante 3D
Francesco Tiberio

È dagli Stati Uniti che arriva il primo via libera per la commercializzazione di un farmaco prodotto con una stampante 3D. In Usa la Fda (Food and Drug Administration) ha dato l’autorizzazione che riguarda un medicinale usato per il trattamento delle convulsioni: si tratta di Spritam (levetiracetam). Ad annunciarlo è stata la stessa azienda che lo ha messo appunto, l’Aprecia Pharmaceuticals. Questo farmaco potrebbe aprire le strade ad una nuova era di farmaci “su misura”.

“Il dispositivo” spiega in un comunicato Aprecia “permette di ottenere una pastiglia molto porosa che si disintegra istantaneamente non appena il paziente beve un sorso d’acqua, una caratteristica importante viste le difficoltà di deglutizione che si hanno nei pazienti che soffrono di epilessia. La pastiglia viene prodotta stampando strati successivi sovrapposti, e può essere ‘caricata’ con diverse quantità di principio attivo”. Già in passato la Fda aveva approvato altri dispositivi medici, come le protesi, ma è la prima volta che approva un farmaco destinato ad essere ingerito.

«Nella mia esperienza» afferma Marvin H. Rorick III, neurologo presso il Riverhills Neuroscience a Cincinnati (Ohio) «i pazienti e gli operatori sanitari hanno spesso difficoltà a seguire un regime terapeutico. Che si tratti di un disturbo della deglutizione o della ‘lotta’ quotidiana per ottenere che un bambino assuma il suo farmaco, l’adesione può essere una sfida. Soprattutto per i bambini e gli anziani, dato che per questi pazienti la corretta assunzione del farmaco così come prescritto è importante per la gestione della malattia». Negli studi clinici effettuati, gli effetti indesiderati più comuni erano sonnolenza, debolezza, e irritabilità. Spirtam dovrebbe essere disponibile nel a metà del 2016. Aprecia, inoltre, ha annunciato che sta sviluppando anche formulazioni di altri farmaci che si dissolvono rapidamente con un sorso di liquido.

 

 

 

 

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scienza & Tecnica

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
net-neutrality-protest

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

Francesco Tiberio18 dicembre 2017
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it