Arte, cultura e spettacolo

Il misterioso simbolo dell’Aquila

Dei segni della cultura mitologica rimasti ancora oggi

Questo articolo è stato visualizzato 1.109 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Il misterioso simbolo dell’Aquila
Francesco Tiberio

L’Aquila è un simbolo costante nei miti di tutte le antiche civiltà. Nei popoli nordici, indoeuropei essa rivestiva un carattere olimpico ed eroico, era l’animale sacro a Zeus, qualificante la Divinità della Luce e della regalità. Spesso congiuntamente al fulmine, altro simbolo connesso a Zeus, a indicare la lotta cosmica delle forze della Luce contro quelle delle Tenebre. È il Simbolo per eccellenza dell’idea di immortalità dell’essere.

Come l’egiziano “Ba”, il geroglifo dell’aquila o dello sparviero, che nel “Libro dei Morti Egizio” sta ad indicare l’anima del morto che può spaventare gli stessi dèi e oltrepassarli, trasfigurandosi in aquila o sparviero. Nel mito ellenico, Zeus nelle sembianze dell’aquila trasporta in cielo Ganimede. Nel mito persiano, il re Kei-Kaus per mezzo di aquile tentò la scalata al cielo. Nel mito indo-ario, l’aquila (unico animale che può fissare il sole senza abbassare gli occhi)  porta ad Indra la sacra bevanda dell’immortalità. Nella tradizione iraniana, invece, l’aquila è una incarnazione della “gloria celeste”, una forza mistica che scende dall’alto, sui sovrani e sui capi, testimoniando la vittoria. Il simbolo dell’aquila in Roma trovò il suo pieno significato, nell’idea di vittoria gloriosa, fondamentale nelle insegne, divenendo simbolo dell’Imperium. Per esempio, il volo di un’aquila dalla pira funeraria simboleggiava il trapasso allo stato di “dio” dell’anima dell’imperatore morto, come accadde per Augusto, pensando che da quel fuoco l’anima s’innalzasse come un aquila verso gli dei celesti dell’Olimpo.

Nel Medioevo e rinascimento europeo, vediamo l’aquila, come la fenice e il grifo, divenire simbolo anche di determinati processi di trasmutazione spirituale, nei simboli propri e specifici dell'”Ars Regia”, l’Alchimia, nella cui tradizione l’animale assume caratteristiche e qualità simboliche specifiche, sulla via della ricerca aurea della Pietra Filosofale.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it