Cronaca

Terrorismo: 4 marocchini espulsi a Bologna

Espulsione disposta dal Viminale, Pm chiesero misure, Gip rigettarono. Cresce il pericolo attentati in Italia?

Questo articolo è stato visualizzato 670 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Terrorismo: 4 marocchini espulsi a Bologna
Daniele D'Amico

Sale l’allerta terrorismo in Italia. La Digos di Bologna sta dando esecuzione ad un provvedimento di espulsione su disposizione del Ministero dell’Interno, nei confronti di quattro marocchini, indagati in un’inchiesta sul terrorismo islamico della Procura. Nel corso di perquisizioni era stato trovato in loro possesso materiale di carta e video, inneggiante alla jihad. Nell’inchiesta, che coinvolge una decina di persone, la Procura aveva chiesto tempo fa una misura cautelare, rigettata dal Gip.

Provvedimento d’espulsione

Il provvedimento d’espulsione dei marocchini è stato firmato dal ministro dell’Interno che ha ritenuto sussistente pericoli per la sicurezza visti presunti legami dei quattro con il terrorismo. Erano infatti stati oggetto di un’indagine pregressa, partita da perquisizioni del 2012. Erano tutti indagati dal Pm Enrico Cieri per addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale (art. 270 quinquies del c.p.).

Nelle minuziose perquisizioni era stato anche trovato del materiale inneggiante alla jihad, che aveva portato appunto allaTerrorismo richiesta al gip dell’emissione di misure cautelari. Le misure erano state chieste prima dell’estate ma erano state rigettate dal gip Letizio Magliaro a inizio settembre in considerazione del fatto che il materiale era stato scaricato da internet, e quindi non veniva ritenuto provato che fosse finalizzato ad una azione di indottrinamento jihadista. Dopo il rigetto, però, dalla procura bolognese era partita la richiesta alla polizia giudiziaria, in questo caso la Digos, di individuare ogni modalità possibile per tutelare la sicurezza nel tempo più rapido. Questo perché oltre al materiale di propaganda trovato inizialmente si era poi trovato altro, come un libretto tecnico operativo per la guerriglia in città e indicazioni per la fabbricazioni di esplosivi, e questo è stato ritenuto dagli inquirenti, “un salto di qualità”. I quattro abitavano nella zona di Casalecchio di Reno, nel bolognese, e frequentavano un centro di preghiera in via Rigola. Uno dei quattro era ritenuto elemento ‘guida’ religioso. Nell’indagine c’era anche un quinto indagato, che nel frattempo risulta già partito per l’Iraq per combattere.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it